KAABA golpe Ucraina

Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for EuropePublished: Dec. 7, 2015 Fr Douglas reveals news that a flight taking displaced Christians from Iraq to Slovakia is delayed, Dec 2015World Watch Monitor We know that some Eastern European countries have been specifying that they are happy to take Christians direct from Iraqi IDP camps, and months of work had started to identify and move some of them out to a new life in Europe. But now, the closure of all airports in northern Iraq because of anticipated air attacks on Islamic State has left 150 already-displaced Christians temporarily stranded in the Kurdish capital, Erbil. The group had all been selected to have flown to Slovakia today, direct from their camp, but officials told them to expect a delay of 48 hours. Yesterday the group attended a farewell service held in Mar Elia church in Ankawa, the Christian neighbourhood of Erbil. Over the past 15 months the whole Christian community in the church compound has bonded strongly.  Many of them have been living in a makeshift camp in the church’s garden after they, and thousands of others, fled cities now under Islamic State control. The Mar Elia leaders tried to accommodate as many of them as possible after they left Mosul, Karamlesh, Qarakosh and other villages on the Nineveh plain. The group have had a common experience of hardship after arriving at the camp –  first living in different types of tents, then container-like shelters; bearing the same hot summers and cold winters, and all in a small church garden, with limited personal space. Saying goodbye at a celebration dinner after the church service was a time for mixed feelings. Ramy, 22, said:  “It’s difficult for me to smile any more, but I want to, because I believe in goodbyes with a smile instead of with tears.” However, the celebrations at the church were interrupted with bad news. At 8:30pm Father Douglas, the leader of Mar Elia church, was told about the 48-hour closure of Erbil and other airports in northern Iraq. The precise reasons for closure weren’t given but Fr Douglas believes that potential air attacks on Islamic State were to blame: “Russia is said to be sending missiles to several targets and therefore the airspace needs to be ‘free’. My people are a little bit disappointed, but they have been waiting for 15 months already and so two days does not make much difference”.  Nisan Hekmat is one of the Christians who was about to travel to Slovakia with his family.  “They told me that travel is delayed for 48 hours. In Iraq this is not unusual. In other countries it may be different but here it’s ‘normal’ to hear good news and bad news all at the same time. “It is difficult for us all. Friends and family came to say goodbye and now the journey has been put on hold. We have everything packed and we’ve given away things (that we can’t take with us) like rice and oil that other families will need.”  Hekmat and his family are resigned to spending a few more days in Erbil. Fr Douglas hopes the 48-hour closure will not be extended and the families will soon be able to start a new life. “My people want to have a future. I’m not trying to give them a future, but I am trying to provide a path for them to have a future. No one is forced to leave, no one is forced to stay. It is a personal decision.” Iraq’s Civil Aviation Authority has given no update to Sunday evening’s notice about “possible missile movement throughout the airspace of northern Iraq”. The group heading to Slovakia hear news about the delays
dominus UniusRei Dominus
Three killed outside 'Christian' radio station in Mali Published: Dec. 18, 2015 Three men were killed when an unidentified gunman opened fire outside a Christian radio station in ...5 years on: what has the Arab Spring meant for Christians? Published: Dec. 17, 2015 The Arab Spring, which began five years ago today (17th December) started with a wave of protests in ... North Korea gives life sentence to Canadian pastor Published: Dec. 17, 2015 Hyeun-soo Lim, the Korean Canadian pastor detained in North Korea since February, was yesterday ... Egyptian brothers add to tally of Christians killed in Libya Published: Dec. 16, 2015 After Aung San Suu Kyi's election win, Myanmar's displaced Kachin are hopeful they can go home for Christmas Published: Dec. 16, 2015 18 Chibok parents have died as wait for girls goes on Published: Dec. 15, 2015Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for Europe Published: Dec. 7, 2015 Indian nationalists blame other faiths as census shows Hindus in decline Published: Dec. 7, 2015 Woman who survived 5 weeks in Boko Haram camp speaks for first time
dominus UniusRei Dominus
Christian women in Baghdad face intimidation to veilPublished: Dec. 18, 2015 The offensive poster is aimed squarely at Christian womenThe few Christians still holding out in Baghdad have found themselves at the receiving end of another barrage of intimidation. Posters appeared on the morning of 13 Dec. - a Sunday - near Christian places of worship with a message to Christian women to cover up, the London-based online news Al-Araby al-Jadeed said. The  Qatari-owned media, which says it aims to counter sectarian narratives, reported the messages were the work of the government-sanctioned “People’s Mobilisation” Shiite militias. Posters of a veiled Virgin Mary appeared around the mainly Shia neighbourhoods of Karada, Kadhimiya, Zayouna and Ghadir - in areas where Christians still form a noticeable minority. Addressed to “honourable Christian” women, they said “The Virgin Mary was veiled, for such has been the way of the prophets” and included a call to “pause and think deeply.” Their version of the Madonna’s iconic picture, included, however, an extra wrapping of cloth to cover from the chin down, in line with the Shia dress code. Patriarch Sako notes the trend of growing enroachments on freedomsWorld Watch MonitorThey read “The way (of the hijab) emanates from one “common divine source”, “one Lord who is Allah Almighty above all” (both Muslims and Christians). Satan dislikes [this way]”….“You have to follow the Virgin’s example, so why don’t you wear the hijab?” Posters had also appeared in some areas of the city in November, Catholic Fides News added. Al-Hashd Al-Shaabi, ‘People’s Mobilisation’, is a paramilitary umbrella under which various religious Shiite factions operate. The Hashd (‘mobilisation’) was formed by the Iraqi government in June 2014 as a counter-jihad to defend Baghdad, following the fall of Mosul to the Sunni jihadist “Islamic State,” or IS. “People, probably Shiite militias, pasted images of the Virgin on the homes of Christian families," Louis Sako Raphael, Head of the Chaldean Catholic church, said 15 Dec. Quoting eyewitnesses, Al-Araby al Jadeed claimed un-specified Shiite clerics were behind the offensive, which Christians have, not surprisingly, found to lack ‘charm’. “When you find those posters put up by militiamen right at your doorstep and next to your place of worship, it only means one thing: ‘You’d better obey, or else!’” said Hanna Sliwah, a 47-year-old Iraqi Christian. “To again see their freedom to dress thus threatened is very worrying for Christians, let alone for the larger Iraqi society,” French newspaper Le Figaro quoted Sako as saying. The Chaldean Catholic Patriarch cited other examples of intimidation, such as the recent proposed legislation to ban the sale of alcohol throughout the country. In November, the Iraqi Parliament passed a resolution forcing non-Muslim children to become Muslims if their father converts to Islam, or if their non-Muslim mother marries a Muslim. A call for ‘amendment’ was only heeded after Christian protests. Throughout some of the Sunni-dominated areas of Iraq, Christians have had to escape with the clothes on their backs, including in places where, historically, Christianity predominated. In 2014, IS overran Mosul, Iraq’s second largest city, and the surrounding Ninevah Plains to the north. So far, Christians have fared, by a limited margin, relatively better in Shia-majority areas of Iraq. “Apparently, we have no place here, either” said Sliwah, pointing out that similar messages were displayed around Baghdad government offices. Maria al-Chaldeani confirmed this soft-touch intimidation: “I was going about my business, issuing papers from a Baghdad government office. There, right at the entrance to the office stood a large poster of Christ, with the message underneath: ‘Cover up, my children!’ ” She said the instruction, like others, left little in the way of a choice. Isolated Incidents? Iraqi Christian MP Joseph Sliwa dismissed the issue as an “isolated” incident. “Some posters appeared here or there. They were promptly taken down after the matter was taken up with the authorities,” he told World Watch Monitor. Sliwa said it is ‘unthinkable’ the government, or the People’s Mobilisation, or even Shia clerics, could or should, be behind such incidents. Yet he acknowledged that issues abound. He said Christian women had been pressured to present hijab’ed photos to obtain passports. “Christian girls cannot go out to work, study, or even venture out in the streets without hijabs in cities across the (Shiite) south, such as Basra and Babel,”, though Seliwah said this was due to social, not official, pressure. Two-thirds of Iraq’s Christian population fled the country during the chaos that followed the US-led invasion. From around 1,500,000, or above 6% in 2003, current estimates are that barely 0.8% still remain in Iraq. In June 2015, a member of Baghdad municipal council claimed that nearly 70% of Christian-owned homes in Baghdad were illegally seized during the chaos post-2003. In an interview with Iraqi TV station Al-Mada, Mohammed al-Rubai said: “These houses belonged to Christians who fled from Baghdad, seeking refuge from violent attacks targeting them and their homes. The title deed documents have been falsified and the new title deeds have been lodged with the real estate registry. Many properties had been given illegally to other Iraqi citizens.” The result, he said, was that “it is possible that both parties [the original and new owners] can possess legally registered title deeds to the same property”. According to the NGO Baghdad Beituna [Baghdad Our Home], there have been more than 7,000 violations against properties belonging to Iraqi Christians in Baghdad since 2003. Saad Jassim, the group’s director, said in June too: “Most of the Christians who left Iraq for Europe had their homes stolen. Since then, their ownership was transferred, and the homes are now occupied by militia commanders and politicians in or close to power.” Christians have also repeatedly suffered kidnappings as well. For instance, October 2010 saw 58 people, including 41 hostages and priests, killed after an attack on a Catholic church in Baghdad. Long before the current IS came to gain such notoriety, Iraq's indigenous Christians were declared a “legitimate target”. In November 2010, a series of bombings and mortar attacks targeted Christian-majority areas in the capital. Since 2003, church bombings and other attacks by both Sunni militants and Tehran-backed Shia militias have found their way to the international headlines with more frequency. Out of a list of 50 countries where Christians find themselves most pressured, Open Doors’ World Watch List places Iraq as number 3 .

Obiettivi USA nella crisi-Ucraina: [ perché è stato realizzato un golpe in Ucraina ]
1) Sfaldare la Russia, 2) Far uscire la Russia dal Mediterraneo.
Riportiamo a seguire un'analisi espressa da Antonio de Martini (Corriere della Collera) che con diverso linguaggio mette in luce alcuni punti fondamentali riguardo alla crisi in Ucraina, che pure noi avevamo evidenziato, ma con l'aggiunta di interessanti particolari. (TSL) https://it-it.facebook.com/Tg24Siria
La nave da intelligence elettronica russa, Viktor Leonov CCB-175, equipaggiata di armamento contraereo moderno ha attraccato al molo delle navi da crociera dell'Avana all'alba del 27 febbraio.
In zona c'é anche una squadra navale iraniana che dieci giorni fa ha annunziato di voler incrociare al limite delle acque territoriali USA in segno di reciprocità per la presenza della sesta flotta nel golfo persico.
Questa è solo una delle numerose escalation messe in atto in occasione della crisi ucraina tra le potenze coinvolte ed ognuna di queste scelte potenzialmente può creare un casus belli.
Tre post fa mi chiedevo se la crisi ucraina fosse la prima pedina di un gioco di Domino o il prodromo di una nuova Yalta.
La strategia USA nei confronti della Russia – specie dopo la crisi siriana – mira a due obiettivi ormai chiari che speriamo la Russia riesca a padroneggiare, a meno che un'"riflesso patriottico" vecchio stile la perda.
PRIMO OBBIETTIVO: La Russia è troppo grande e va "sfaldata"
Lo strumento per" sfaldare" la CSI (Confederazione degli Stati Indipendenti) è la N.A.T.O. evidentemente non paga di aver annesso all'alleanza nell'Aprile 2004 le tre repubbliche baltiche che facevano parte del Patto di Varsavia (Estonia, Lituania, Lettonia).
Nel dicembre dello stesso anno, la rivoluzione rosa in Georgia portava al potere Mikhail Saakasvili, certamente pro-occidente. La rivoluzione arancione ottenne lo stesso effetto in Ucraina.
Mentre gli USA fin dal summit N.A.T.O. di Bucarest nel 2008 (altro paese, la Romania, passato dal patto di Varsavia alla N.A.T.O.) non facevano mistero di voler spingere l'alleanza atlantica oltre il mar nero, la Russia iniziò una serie di contromosse – essenzialmente basate sulla leva energetica nelle sue variabili economica e politica- per ricondurre alla ragione l'Ucraina dove era stata eletta Julia Timoshenko , filo occidentale e sensibilissima agli affari, e la Georgia dove il Presidente Saakasvili si credette tanto appoggiato da attaccare militarmente la parte di Ossezia rimasta in territorio russo (il sud Ossezia non è, in realtà, mai esistito).
Una scorribanda e un giorno di fuoco bastò ai russi per far capire che, se necessario, erano pronti alla guerra. (Agosto 2008).
Nel 2010, le nuove elezioni in Georgia che videro prevalere i filo russi e l'eliminazione dalla scena del Kirgyzistan del Presidente Kurmanbek Bakiev hanno tranquillizzato la Russia che stava preparando la sua rentrée caucasica con le Olimpiadi di Sochi e seguiva attentamente la situazione siriana nella quale vedeva l'occasione di un ritorno sulla scena del Levante dopo anni di ripiego su se stessa. L'adesione dell'Armenia all'area doganale russa (e che tutti davano per acquisita all'occidente) sembrò avvalorare questo vantaggio e confermare l'appoggio che la Chiesa ortodossa offre alla nuova Russia.
Il caso Shalabayev, (il dissidente Kazako) con un risvolto un po' vigliacco qui in Italia, completò il quadro strategico con cui la Russia credette di aver imposto lo stop alla "operazione erosione della CSI".
La reazione USA, dopo i contrattempi del caso Snowden e del diplomatico spia (Ryan Foggle, terzo segretario) preso a Mosca con la parrucca bionda in testa e un impegno da un milione in tasca, non si è fatta attendere e ad onta dell'avvertimento recapitato via Italia (a Verona dall'ex candidato presidente Sergyey Glaziev al convegno di ottobre scorso di Banca Intesa: "non cederemo l'Ucraina senza una situazione di guerra come la Jugoslavia") l'attacco si è verificato. I governi fantoccio non reggono mai e anche questo non ha fatto eccezione.
E' probabile che "l'ansia europeista" si estenda alla Moldova dove – notizia di due giorni fa – il Ministro della Difesa Vitalie Marinuta ha trovato modo di dimettersi in polemica col Presidente Nicolae Timofti accennando a dissapori circa argomenti strategici non specificati ma che includevano "input dalla UE e dagli USA". Senza l'adesione alla UE da parte della Moldova, la collaborazione dei romeni con l'occidente sarà sempre tiepida.
Intanto – qui si risente l'odore di una Yalta in preparazione – la Russia ha occupato i due aeroporti della penisola ben difendibile (l'assedio di Sebastopoli da parte russa nel 1944 durò oltre otto mesi) e la base navale di Sebastopoli , affittata fino al 2050, senza colpo ferire e gli USA – e la Germania – che hanno protestato quando non volavano ancora le pallottole, non hanno fiatato.
In più Il rappresentante ucraino nei negoziati con la UE, Kostyantyn Yeliseyev ha colto la palla al balzo chiedendo "l'immediata firma dell'accordo di adesione "alla Unione Europea che converrebbe anche agli USA dato che porrebbero un altro grosso fardello sulle spalle dell'Euro e della Germania.
I tedeschi, che hanno fatto una guerra sanguinosa per conquistare e conservare l'Ucraina (e rifiutarono la pace separata nel 1942 con la Russia per non cederla. vds biografia di Beria già cit.), dovrebbero a questo punto pagare i debiti e ristrutturare le industrie e gli costerebbe ben più dell'annessione della Germania est e dovrebbero farlo questa volta senza aiuti dagli altri paesi dell'Unione e col fardello della crisi interna in eurozona.
Oltre alla Crimea – considerata russa senza discussione – si avrebbe una separazione su base culturale e etnico-linguistica: il sud e l'est in orbita russa e l'ovest in quella tedesca.
Aspettiamo l'attacco al Kazakistan con un ruolo per Shalabayev dopo che gli effetti della svalutazione (del 20% per ora) si saranno fatti sentire. Per tamponare, il presidente Nazabajev ha nominato governatore della banca centrale il suo pupillo Karimbetov togliendolo dalla direzione del fondo sovrano di trenta miliardi che era il vanto del regime.
SECONDO OBBIETTIVO: La Russia deve uscire dal Mediterraneo.
Sarebbe stato un obbiettivo a portata di mano senza le 'primavere arabe', adesso è molto più difficile e forse è una delle ragioni della inversione di marcia americana.
In questo momento siamo in presenza della prima opzione (la crisi ucraina), ma questa seconda (mediterraneo libero da navi russe) è di gran lunga più pericolosa per noi e per la sicurezza del Mediterraneo.
Dopo la caduta dell'URSS, la ripresa russa è stata molto più rapida di quanto prevedessero gli analisti e il ritorno di Putin alla presidenza della Russia ha creato i presupposti per una ulteriore serie di frizioni basate sul fatto che la Russia pretende un trattamento di parità nel consesso internazionale e l'America non glielo ha riconosciuto che a malincuore nella sola occasione della crisi siriana, con l'intento di fargliela pagare alla prima occasione.
I russi dispongono di una base in Siria a Tartus e non è chiaro se abbiano già ottenuto una base navale vera e propria a Cipro.
Ipotizzo che la concederanno non appena abbandonata la presidenza di turno della UE.
"L'umiliazione" subita nella vicenda siriana ha impresso una accelerazione al processo di confronto, mentre la Russia ha ingenuamente creduto di aver ormai raggiunto l'agognato status di parità. Non ci può essere parità tra due paesi quando uno dei due ha un bilancio di spesa militare decuplo (anche se il territorio da presidiare è dieci volte più grande…).
La Russia dispone di un alleato di taglia nel mondo mediterraneo-Egeo: la chiesa ortodossa russa.
A meno di passare alla guerra guerreggiata, l'obiettivo di togliere la base di Sebastopoli alla flotta Russa (che comunque ha un contratto di affitto che scadrà tra trentasei anni) sembra rinviato sine die.
La fornitura di armi concordata con l'Egitto (oltre 2 miliardi di dollari di armi specie antiaeree) permette loro di rientrare politicamente nel paese che controlla il canale di Suez.
L'Algeria guarda con sospetto alla NATO dai tempi della Libia. L'opinione pubblica italiana – da sempre contraria alla guerra – è crescentemente ostile alla presenza delle basi USA e NATO che tendono a consumare merci proprie e godono di immunità giuridiche superiori a quelle dei parlamentari, non imparano la lingua e fanno lievitare gli affitti.
Se questo confronto dovesse continuare, sarebbe molto saggio ed economicamente vantaggioso dichiararsi neutrali, ospitando tutti e non legandosi a nessuno.
Fonte: Corriere della Collera
ALTRE FOTO E MAPPE AL LINK
http://terrasantalibera.wordpress.com/2014/03/04/obiettivi-usa-nella-crisi-ucraina-1-sfaldare-la-russia-2-far-uscire-la-russia-dal-mediterraneo/
Rispondi
 ·
Rothschild hell
18 minuti fa

[ la aggressione del sistema massonico Bildenberg, contro, la Russia: la trappola UE 322 USA FMI, il nuovo ordine mondiale per distruggere Israele! ] 3 marzo, 20:11
Mosca dichiara l'avvio dei preparativi per le provocazioni contro la flotta russa
Il ministro degli Esteri russo Serghey Lavov ha dichiarato che nel territorio dell'Ucraina si svolgono i preparativi delle nuove provocazioni contro la Flotta russa del Mar Nero.
Lavrov ha esortato i partner occidentali a lasciare da parte i calcoli geopolitici nei confronti dell'Ucraina e tener conto degli interessi del popolo ucraino.
Il ministro ha espresso la speranza che le azioni, intraprese dalla Russia sulla normalizzazione della situazione politica in Ucraina, ricondurranno alla ragione i radicali ucraini.

Rispondi
 ·
Rothschild hell
20 minuti fa

[ la aggressione del sistema massonico alla Russia: la trappola UE 322 USA FMI, il nuovo ordine mondiale per distruggere Israele! ] 4 marzo 2014, 10:45
La situazione in Ucraina.
19:56
Dall'inizio delle proteste in Ucraina sono rimaste contuse o ferite più di 1.000 persone, mentre sono morti in 98 tra dimostranti e poliziotti.

19:56
"I cittadini che volontariamente si recheranno nei distretti di polizia per consegnare le armi, che detenevano illegalmente, saranno amnistiati".

19:55
"Il ministero degli Interni dell'Ucraina dal 4 al 21 marzo intraprende le misure per la consegna volontaria delle armi da fuoco, munizioni ed esplosivi".

19:54
I dimostranti che volontariamente consegneranno le armi, incluse quelle portate via dalle stazioni di polizia, godranno dell'amnistia, ha riferito il ministero dell'Interno dell'Ucraina.

19:54
Kiev promette amnistia a chi consegna alla polizia le armi rubate.

19:41
I deputati della Verchovna Rada hanno deciso di istituire una task force per preparare emendamenti alla Costituzione della Crimea.

19:39
La Verchovna Rada dice sì a negoziati per maggiore autonomia alla Crimea.

16:22
Si è conclusa la conferenza stampa di Vladimir Putin.

16:09
"Potrà prendersi un raffreddore al funerale di chi diffonde le voci sulla sua morte," - ha scherzato Putin.

16:08
Putin: "Due giorni fa Yanukovich era vivo".

16:08
Secondo Putin, ha già incaricato il governo di riprendere i contatti con Kiev per non interrompere i legami economici.

16:04
Putin: "Mosca svilupperà le relazioni economico-commerciali e politiche con l'Ucraina solo dopo la normalizzazione della situazione e le elezioni presidenziali".

15:59
Putin: "Mosca svilupperà i rapporti con Kiev dopo le elezioni presidenziali".

15:51
Putin: "La Russia si è interessata della sorte di Viktor Yanukovich per motivi umanitari, dal momento che in Ucraina sarebbe potuto essere ucciso".

15:49
Putin: "Yanukovich non ha un futuro politico".

15:48
Putin ha anche affermato che la Russia non prende parte all'addestramento delle forze di autodifesa in Crimea.

15:47
Putin: "Sono le forze di autodifesa della stessa Crimea".

15:47
Putin: "La formazioni che hanno bloccato e occupato i distretti militari ucraini in Crimea non appartengono all'esercito russo".

15:43
Putin: "Non sono militari russi gli uomini armati in Crimea".

15:43
Putin ritiene che i danni di eventuali sanzioni dell'Occidente contro la Russia per la situazione in corso in Ucraina saranno reciproci.

15:37
Putin: "Sarà reciproco il danno delle possibili sanzioni dell'Occidente".

15:28
Putin: "La Russia non vuole annettere la Crimea".

15:24
Come affermato dal presidente russo, questa decisione sarà legittima.

15:23
Putin: "Il possibile utilizzo delle forze armate russe in Ucraina sarà pienamente conforme al diritto internazionale".

15:20
Putin: "Legittima la decisione di usare la forza in Ucraina".

15:14
Secondo Putin, in Ucraina c'è un solo legittimo presidente: Viktor Yanukovich.

15:14
"Sono oggi questo governo e Parlamento legittimi? In parte sì, tutto il resto no. Non posso certo riconoscere la legittimità del presidente in carica ad interim," - ha detto ai giornalisti.

15:14
Il parlamento dell'Ucraina è in parte legittimo, mentre il presidente ad interim no, ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

15:13
Putin: "Il Parlamento dell'Ucraina legittimo in parte, il presidente ad interim no".

15:01
La Russia si riserva il diritto, se necessario, di usare la forza militare per proteggere i propri connazionali, ha sottolineato il presidente.

15:01
In Ucraina non vi è alcuna necessità di impiegare le truppe russe, tuttavia è un'opzione possibile, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giornalisti.

15:00
Putin: "Non necessario l'impiego dell'esercito in Ucraina"

14:54
"La valutazione di quanto accaduto a Kiev e in generale in Ucraina è una sola: si tratta di un colpo di stato incostituzionale e di una presa armata del potere," - ha detto.

14:53
Il presidente russo Vladimir Putin ha definito gli avvenimenti in Ucraina come un colpo di stato incostituzionale e una presa violenta del potere.

14:53
Putin: "In Ucraina un golpe e una presa violenta del potere"

14:00
Nei prossimi minuti è attesa una dichiarazione del presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin sulla situazione in Ucraina.

13:56
Nella baia di Sebastopoli, dove sono ormeggiate le navi da guerra dell'Ucraina, questa mattina i marinai ucraini hanno individuato circa 20 sabotatori subacquei. Lo ha riferito l'agenzia di stampa Unian, citando una fonte militare informata a Sebastopoli.

13:55
Scoperti sabotatori subacquei dalla Marina ucraina a Sebastopoli

13:22
Il ministero della Difesa russo aveva negato questa notizia e aveva sottolineato che non era stato fatto nessun ultimatum.

13:22
Ieri il ministero della Difesa dell'Ucraina aveva riferito che la parte russa aveva lanciato un ultimatum alla Crimea ucraina, in base al quale se non si fosse arresa questa mattina, sarebbe stato compiuto un raid.

13:22
In Crimea la situazione rimane tesa, ma non si è verificato nessun attacco contro le caserme ucraine, riporta l'aviazione britannica.

13:21
Nessun attacco militare in Crimea

12:21
Il consiglio dei ministri della Crimea aveva deciso di indire un referendum sul futuro della penisola il prossimo 30 marzo.

12:21
Il 27 febbraio il Parlamento della Crimea aveva nominato primo ministro della penisola Sergey Aksenov, leader del movimento socio-politico locale Unità Russa. Aksenov ha dichiarato di ritenere come legittimo presidente del Paese Viktor Yanukovich e di volergli obbedire.

12:20
Le autorità della Crimea sostengono di aver ricevuto la richiesta dalle città di Kherson, Nikolayev ed Odessa di far parte della Repubblica autonoma se i suoi poteri saranno rafforzati ed estesi a seguito dei risultati del referendum.

11:48
L'accordo tra Viktor Yanukovich e i leader dell'opposizione ucraina, concluso il 21 febbraio, prevede tra l'altro le elezioni presidenziali anticipate a dicembre 2014.

11:47
"Due condizioni sono imprescindibili per la parte russa: l'attuazione dell'accordo del 21 febbraio, che comprende la riforma costituzionale e la creazione di un governo di coalizione. In questo processo di negoziazione devono essere rappresentate tutte le forze politiche ucraine," - citano i media le dichiarazioni della fonte.

11:47
La Russia è pronta a negoziare per la situazione in Ucraina solo se verrà rispettato l'accordo del 21 febbraio, ha rivelato una fonte al ministero degli Esteri russo.

11:03
"In qualità di presidente legittimamente eletto dell'Ucraina dichiaro: i fatti di Maidan e la presa illegale del potere a Kiev hanno portato l'Ucraina sull'orlo della guerra civile. Nel Paese regnano il caos e l'anarchia. La vita e la sicurezza delle persone, in particolare nel sud-est del Paese ed in Crimea, sono minacciate. Sotto l'influenza dei Paesi occidentali si è aperta la strada al terrore e alla violenza", - motiva così la sua richiesta Yanukovich.

11:03
Il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha inviato a Vladimir Putin una richiesta scritta per usare le forze armate russe a difesa della popolazione dell'Ucraina e per ristabilire la legge e la pace nel Paese, ha dichiarato Vitaly Churkin, il rappresentate della Russia alle Nazioni Unite.

11:03
Yanukovich chiede a Putin di inviare l'esercito in Ucraina.

11:00
Il presidente degli Stati Uniti ritiene che il corso scelto dalla Russia sarà pagato a caro prezzo e che ora sia giunto il momento per Vladimir Putin di decidere se Mosca persegua i propri interessi con metodi diplomatici o con la forza militare.

10:58
"In Ucraina le azioni della Russia violano il diritto internazionale e la sovranità del Paese stesso. La Russia è dal lato sbagliato della storia. L'Ucraina è padrona del suo destino," - ha detto Obama, parlando della situazione in Ucraina.

10:57
Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha affermato che la Russia ha violato la sovranità territoriale dell'Ucraina ed ha esortato Vladimir Putin a cambiare linea politica.

10:57
Obama avverte: alla Russia costerà caro il corso scelto.

Rispondi
 ·
Rothschild hell
23 minuti fa

Lorenzo Biondi 7 febbraio 2014 STAMPA
La "mano" [criminale] americana in Ucraina. La gaffe telefonica del dipartimento di stato
Il testo della telefonata "intercettata" e pubblicata oggi su YouTube: Victoria Nuland del dipartimento di stato e l'ambasciatore Usa in Ucraina "scelgono" i ministri del prossimo governo di Kiev I tre leader dell'opposizione ucraina "moderata", Oleh Tyahnybok, Vitaly Klitschko e Arseny Yatsenyuk, insieme all'assistente alla segreteria di stato Usa Victoria Nuland, il 6 febbraio (foto Reuters)
  complice, l'Unione europea». La frase – in bocca a Victoria Nuland, assistente segretario di stato americano – non poteva non guadagnare i titoli dei media di tutto il mondo. Ma nella (presunta) telefonata tra la Nuland e Geoffrey Pyatt, ambasciatore Usa in Ucraina, c'è molto altro. C'è materiale a sufficienza per mettere in fortissimo imbarazzo il dipartimento di stato americano, e proprio nel giorno in cui si aprono le Olimpiadi di Sochi. E per assestare un grosso colpo alla credibilità dell'opposizione ucraina: da campione dell'apertura all'Europa e della "democratizzazione" del paese a «marionetta» in mano all'America (come suggerito dal canale YouTube che ha pubblicato la telefonata, con corredo di sottotitoli in russo).
Ecco i passaggi cruciali della telefonata. La voce attribuita alla Nuland e quella attribuita a Pyatt discutono delle poltrone nel prossimo governo ucraino:
(Voce attribuita a Pyatt): «Siamo in ballo. Il capitolo Klitschko è chiaramente quello più complicato (Vitali Klitschko è un ex pugile, tra i leader carismatici dell'opposizione). Specialmente l'annuncio che potrebbe diventare vice-premier e hai letto i miei appunti sui rischi di fare quel matrimonio in questo momento; per questo stiamo provando a farci un'idea molto in fretta su quale sia la sua posizione su questa cosa. Credo che il tuo argomento con lui – la prossima telefonata che devi organizzare – è esattamente lo stesso che hai presentato a "Yats" (Arseniy Yatseniuk, il "numero due" di Yulia Tymoshenko). Hai fatto bene a metterlo sulle spine a proposito della sua posizione in questo scenario. E sono contento della risposta che ti ha dato».
(Voce attribuita alla Nuland): «Bene. Non credo che "Klitsch" dovrebbe andare al governo. Non è necessario, non è una buona idea».
Pyatt: «Sì (…) fallo restare fuori (dal governo), deve fare i compiti a casa (…)».
Nuland: «Credo che sia Yats quello con l'esperienza economica, di governo. È lui… Ha bisogno che Klitsch e Tyahnybok (Oleh Tyahnybok, leader del partito della Liberà, anche lui all'opposizione) stiano fuori dal governo. Dovrà parlare con loro quattro volte a settimana, certo. Ma credo che se Klitsch entrasse al governo (…) non funzionerebbe. (…) Un'altra cosa, non so se te ne ho già parlato (…): quando ho parlato con (il sottosegretario generale dell'Onu) Jeff Feltman, aveva un altro nome (per il governo) da proporre al tipo dell'Onu, Robert Serry (ex ambasciatore olandese, inviato speciale dell'Onu in Ucraina). Te l'avevo già detto?»
Pyatt: «Sì, ho letto il tuo appunto».
Nuland: «Ok, (Feltman) ha messo d'accordo Serry e Ban Ki-moon: Serry potrebbe venire (in Ucraina) lunedì o martedì. Sarebbe ottimo, secondo me, per chiudere quest'accordo e ottenere l'aiuto dell'Onu per chiuderlo, e fanculo l'Unione europea».
http://www.europaquotidiano.it/2014/02/07/la-mano-americana-in-ucraina-la-gaffe-telefonica-del-dipartimento-di-stato/
Rispondi
 ·
Rothschild hell
29 minuti fa

Lorenzo Biondi 5 marzo 2014 STAMPA
Breaking: Estonian Foreign Minister Urmas Paet and Catherine Ashton discuss Ukraine over the phone
/watch?v=ZEgJ0oo3OA8
Breaking: Estonian Foreign Minister Urmas Paet and Catherine Ashton discuss Ukraine over the phone «I cecchini a Kiev? Mandati dall'opposizione». La frase shock del ministro estone con lady Ashton
I media russi diffondono una presunta telefonata intercettata in cui il ministro degli esteri dell'Estonia, di ritorno dall'Ucraina, parla di voci «spiacevoli» sul coinvolgimenti di persone oggi al governo nella strage della Maidan
===================
Pubblicato in data 05/mar/2014
Officers of Security Service of Ukraine (SBU) loyal to the ousted President Viktor Yanukovich have hacked phones of Estonian Minister of Foreign Affairs Urmas Paet and High Representative of the European Union for Foreign Affairs and Security Policy Catherine Ashton and leaked their conversation to the web. The officials discuss their impressions of what's happening in the country after the revolution. The gist of it is that Ukrainian people have no trust in any of the leaders of Maidan.
However the most striking thing of all is the fact which concerns the use of force during the revolution, particularly the snipers who killed both protesters and officers of the riot police. Mr. Paet reveals astonishing information which confirms the rumours that the snipers were employed by the leaders of Maidan.
=========================
Se la notizia fosse confermata, sarebbe la seconda "intercettazione" telefonica pubblicata dalla Russia che fa fare una magra figura alla diplomazia occidentale. Prima la telefonata dell'assistente alla segreteria di stato americana Victoria Nuland in cui "sceglie" i ministri del nuovo governo di Kiev. Ora una (presunta, la cautela è d'obbligo) conversazione tra il ministro degli esteri dell'Estonia Urmas Paet e l'alto rappresentante dell'Unione europea Catherine Ashton.
L'audio della telefonata è stato diffuso da un account YouTube che non aveva pubblicato niente prima, e ripreso da Russia Today, network semiufficiale di informazione in inglese sulla Russia. Nella telefonata, la voce attribuita a Paet racconta a lady Ashton della sua recente missione diplomatica a Kiev. Al minuti 8.20 il ministro estone racconta che Olga Bogomolets, medico che ha organizzato i centri di prima accoglienza per i feriti di piazza Indipendenza a Kiev, gli ha raccontato dei dettagli «spiacevoli». La fonte di Paet, quindi, è vicina ai manifestanti, non all'ex governo filo-russo di Viktor Yanukovich.
L'accusa è pesante: i cecchini che sparavano dai tetti di Kiev non sarebbero stati mandati da Yanukovich, ma da alcune componenti dell'opposizione «oggi parte della coalizione di governo».
La risposta della Ashton mostra qualche imbarazzo: bisogna «indagare», ma senza intralciare il percorso politico del nuovo governo. Il tempo per le indagini arriverà poi, sembra sottintendere l'Alto commissario Ue.
Questo il testo della conversazione:
Voce attribuita a Paet: «Olga dice che le persone uccise dai cecchini, i poliziotti e i manifestanti, sono stati uccisi dagli stessi cecchini. Mi ha fatto vedere delle foto, ha i referti dei dottori che dicono che si tratta dello stesso tipo di proiettili. Ed è preoccupante che la nuova coalizione (di governo) non voglia indagare questi fatti. C'è la percezione sempre più forte che dietro i cecchini non ci fosse Yanukovich, ma qualcuno della nuova coalizione».
Voce attribuita alla Ashton: «Credo che sia davvero necessario investigare, è interessante».
Paet: «È una cosa spiacevole, toglie credibilità fin dall'inizio a questa nuova coalizione».
Ashton: «È vero, capisco la richiesta di grandi riforme, ma bisogna anche lasciare che la politica si rimetta a funzionare. Fare l'attivista o il medico è molto importante, ma non sono politici. Qualcuno si deve occupare di accomodare le cose per le prossime settimane. Il paese deve correre, bisogna arrivare alle elezioni di maggio. La prossima settimana comunque tornerò a Kiev, li incontrerò».
@lorbiondi
Rispondi
 ·
Rothschild hell
35 minuti fa

cosa ha detto il massone 322, Kerry, il satanista,circa, l'invasione della Crimea e la guerra con l'Iran. Il Segretario di Stato USA John Kerry ha definito il rafforzamento della protezione delle basi militari russe in Crimea "una insolente aggressione". "Non si può per proteggere i propri interessi invadere un altro Paese sotto un pretesto inventato", ha detto Kerry nell'intervista del 3 marzo, rilasciata alla NBC.
Ma non riconosce i fatti riguardo i falsi pretesti ed i metodi inadatti delle "campagne orientali" dell'America che hanno provocato la morte di migliaia di loro cittadini e cittadini degli alleati della NATO. Il Segretario di Stato non è addolorato del fatto che solo dopo le invasioni americane in quegli "altri" Paesi le vittime civili si calcolano in centinaia di migliaia e i profughi in milioni. Kerry non rimpiange la inutilità della spesa per le guerre in Iraq e in Afghanistan calcolata in migliaia di miliardi di dollari che i contribuenti americani dovranno ripagare ancora per molti anni.
La sua definizione di domenica "sfacciato atto di aggressione" si riferisce al potenziamento della sicurezza e delle forze dell'ordine intorno alle basi militari russe in Crimea della Flotta del Mar Nero attuato senza un solo colpo sparato.
Poco prima durante una tavola rotonda con i giornalisti Kerry ha detto: "Non credo ci sia alcun dubbio che qualsiasi tipo di intervento militare, che violasse l'integrità territoriale sovrana dell'Ucraina, sarebbe un errore enorme e fatale." ** Già allora era stato reso noto che Mosca non prevede la scissione dell'Ucraina dalla Crimea e la sua adesione alla Russia. L'influenza fatale di USA e NATO sulla disintegrazione della Jugoslavia, l'Iraq e la Libia in quella conversazione, ovviamente, non sono state discusse.
Non è un segreto che il Segretario di Stato USA offre regolarmente strane valutazioni sulla rapida evoluzione delle situazioni nel mondo. In precedenza, ha fatto capire che il Pentagono continua a prepararsi per un attacco all'Iran. Secondo gli analisti americani, Kerry come portavoce della Casa Bianca "eseguirà solo quello che gli verrà detto senza sorprese e rispetterà sempre lo scenario scritto in anticipo". Di conseguenza, se nello scenario "ucraino" lo stesso fosse scritto con una variante fantastica in cui la Russia invade l'Ucraina, Kerry probabilmente lo ripeterà finché qualcuno non gli cambierà il testo.
Questa stranezza è stata notata nel 2011 da Bret Stephens del Wall Street Journal, prima della nomina a Segretario di Stato di Kerry. "Il giorno successivo alla prima manifestazione di massa contro il regime, il 16 marzo, John Kerry ha dichiarato che Assad è "uomo di parola, che si è comportato con me da galantuomo". Più tardi, tornando da Washington, Kerry ha chiamato Assad "un caro amico". E il 2 settembre 2013, ha ricevuto un altro testo ed ha paragonato il "caro amico" con Hitler e Saddam Hussein.
Più di recente c'è stata un'altra situazione imbarazzante. Kerry precedentemente accennava al fatto che il Pentagono continua a prepararsi per un attacco all'Iran. È noto che la comunità internazionale ha raggiunto un punto di svolta nei negoziati con l'Iran sulla questione nucleare. Ma la settimana precedente, Kerry racconta improvvisamente ai giornalisti la sua visione: "Prima di avviare la guerra, abbiamo preso l'iniziativa e condotto gli sforzi per cercare di capire se è possibile trovare una risoluzione pacifica" **. Gli americani si stanno chiedendo: comunica al Paese e al mondo che la guerra in Iran è in programmazione ed è inevitabile o non vede semplicemente il cambiamento della situazione?
L'abitudine di vedere quello che si vuole al posto della realtà va bene per uno scittore, ma è molto pericolosa per un diplomatico.
* «You just don't invade another country on phony pretext in order to assert your interests».
**"I don't think there should be any doubt whatsoever that any kind of military intervention that would violate the sovereign territorial integrity of Ukraine would be a huge — a grave.
*"We took the initiative and led the effort to try to figure out if before we go to war there actually might be a peaceful solution".
**"We took the initiative and led the effort to try to figure out if before we go to war there actually might be a peaceful solution".

Rispondi
 ·
Rothschild hell
38 minuti fa

In Ucraina colpo di stato preparato da USA e UE".
Gli USA e la UE avevano preparato una "Euromaidan" nella capitale dell'Ucraina da diversi anni, ha dichiarato in un'intervista al canale internazionale "Press TV" l'ex ufficiale dell'intelligence statunitense Scott Rickard.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/In-Ucraina-colpo-di-stato-preparato-da-USA-e-UE-5261/
Secondo lui, il governo degli Stati Uniti ha speso per finanziare le proteste a Kiev oltre 5 miliardi di dollari. Tra i principali sponsor del colpo di stato in Ucraina, secondo l'ex funzionario della CIA, figurano il fondatore del sito di aste online eBay Pierre Omidyar e il finanziatore e speculatore americano George Soros.
Secondo Rickard, gli eventi ucraini hanno motivazioni economiche e geopolitiche. L'Occidente ha l'obbiettivo di far entrare l'Ucraina, così come le altre ex repubbliche sovietiche, nella NATO.

Rispondi
 ·
Rothschild hell
39 minuti fa

Mandato d'arresto internazionale al leader ultranazionalista ucraino Yarosh
La Russia ha emesso un mandato di cattura internazionale contro il leader dell'organizzazione ultranazionalista ucraina Settore Destro Dmitry Yarosh, accusato in contumacia di incitamento al terrorismo e propaganda di idee estremiste, ha dichiarato il portavoce del comitato investigativo russo Vladimir Markin.
"A breve gli investigatori chiederanno la custodia cautelare in carcere in contumacia per Yarosh," - ha rilevato.
Yarosh ritiene la Russia come l'eterno nemico dell'Ucraina ed è convinto della necessità di una guerra tra i due Paesi.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
41 minuti fa

La UE pronta a stanziare per l'Ucraina 11 miliardi € [stampati soldi a debito, e pagati come?, visto che la Nazione è già indebitata! come gli schivi ucraini possono sopravvivere, al sistema massonico Bildenberg, spa, FMI? ]
Rispondi
 ·
Rothschild hell
44 minuti fa

[ questa è la dimostrazione che si è trattato di un GOLPE! ]
http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/La-Verchovna-Rada-discute-lingresso-dellUcraina-nella-NATO-7118/
La Verchovna Rada discute l'ingresso dell'Ucraina nella NATO. La Verchovna Rada dell'Ucraina ha preso in esame un disegno di legge che definisce il percorso del Paese per aderire alla NATO, hanno riferito oggi al segretariato del Parlamento.
Il progetto di legge per l'adesione dell'Ucraina alla NATO è stato preparato dai deputati di Patria, i quali ritengono che "la posizione di neutralità dell'Ucraina non abbia portato le garanzie di sicurezza al Paese".
La legge che definisce l'Ucraina "neutrale" era stata approvata dalla Verchovna Rada il primo luglio 2010.

Rispondi
 ·
Rothschild hell
46 minuti fa

allora, è guerra mondiale! se Israele, non fa subito un attacco nucleare preventivo contro la LEGA ARABA: morirà! Kiev pronta a dire sì allo scudo missilistico USA in cambio di aiuti. L'ambasciatore dell'Ucraina in Bielorussia Mikhail Yezhel ha dichiarato che la possibilità di collocare nel Paese le installazioni dello scudo missilistico degli Stati Uniti è negoziabile in cambio di un piano di salvataggio a beneficio di Kiev.
"E' una questione di negoziati. Come si suol dire, mettiamoci nella mischia e schiariamoci le idee," - ha detto ai giornalisti l'ambasciatore a Minsk rispondendo ad una domanda sulla possibile implementazione del sistema di difesa missilistico degli Stati Uniti nel territorio dell'Ucraina come condizione per lo stanziamento di aiuti.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/Kiev-pronta-a-dire-si-allo-scudo-missilistico-USA-in-cambio-di-aiuti-1275/
Rispondi
 ·
Rothschild hell
47 minuti fa

[cazzo! ] "In Ucraina colpo di stato preparato da USA e UE"
Gli USA e la UE avevano preparato una "Euromaidan" nella capitale dell'Ucraina da diversi anni, ha dichiarato in un'intervista al canale internazionale "Press TV" l'ex ufficiale dell'intelligence statunitense Scott Rickard.
Secondo lui, il governo degli Stati Uniti ha speso per finanziare le proteste a Kiev oltre 5 miliardi di dollari. Tra i principali sponsor del colpo di stato in Ucraina, secondo l'ex funzionario della CIA, figurano il fondatore del sito di aste online eBay Pierre Omidyar e il finanziatore e speculatore americano George Soros.
Secondo Rickard, gli eventi ucraini hanno motivazioni economiche e geopolitiche. L'Occidente ha l'obbiettivo di far entrare l'Ucraina, così come le altre ex repubbliche sovietiche, nella NATO.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/In-Ucraina-colpo-di-stato-preparato-da-USA-e-UE-5261/
Rispondi
 ·
Rothschild hell
48 minuti fa

Registrazione shock: a Kiev cecchini assunti dai leader di Maidan.. ][ sono i cecchini del NWO 666 FMI USA 322 ecc.. tutto il sistema massonico Bildenberg ]
Su internet è stata diffusa un'intercettazione tra l'alto rappresentante della UE per gli Affari Esteri Catherine Ashton ed il ministro degli Esteri estone Urmas Paet, che era a disposizione del Servizio di sicurezza dell'Ucraina (i servizi segreti).
Entrambi i politici europei si scambiano le loro impressioni sulla situazione in Ucraina. Urmas Paet afferma che i cecchini che sparavano a Kiev su dimostranti erano stati assunti dai leader di Maidan. Sostiene che tutte le prove che gli sono state presentate mostrano che i manifestanti e gli agenti delle forze dell'ordine sono stati uccisi dagli stessi cecchini.
"Ora è sempre più chiaro che questi cecchini non erano di Yanukovich, ma dipendevano da qualcuno della nuova coalizione," - ha detto.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_05/LEstonia-conferma-vera-lintercettazione-shock-sui-cecchini-di-Maidan-5288/
Rispondi
 ·
Rothschild hell
51 minuti fa

L'Ucraina non negozia con gli USA, lo scudo missilistico, controo Mosca, in cambio di aiuti
Rispondi
 ·
Rothschild hell
57 minuti fa

[ i cecchini di Bush 322 Kerry, i satanisti del NWO - FMI FED BCE, Spa Rothschild, per il GOLPE in Ucraina! ] L'Estonia conferma: vera l'intercettazione shock sui cecchini di Maidan. Il ministero degli Esteri dell'Estonia ha confermato l'autenticità della conversazione telefonica tra il capo della diplomazia estone Urmas Paet e l'alto inviato dell'Unione Europea per gli Affari Esteri Catherine Ashton, in cui vevivano espressi dei commenti sui cecchini in azione a Kiev durante le manifestazioni di Maidan. "È spiacevole che sia stata fatta questa intercettazione," - ha dichiarato Paet. Il ministro si è astenuto da ulteriori commenti. L'audio della conversazione tra la Ashton e Paet è stato diffuso oggi su YouTube. Secondo Paet, le persone che sono morte a Kiev tra i dimostranti e la polizia sono state uccise dagli stessi cecchini che erano stati ingaggiati dai leader di Maidan.

Rispondi
 ·
Rothschild hell
59 minuti fa

[imperialismo OGM, USA 666, umanità sintetica] hanno decino di sostituire tutte le forme viventi del pianeta con gli OGM, altrimenti non avrebbero fatto ibridi tra, uomini ed animali! 9 febbraio,
Ibridi tra esseri umani e animali sono una catastrofe dei nostri giorni
http://italian.ruvr.ru/2014_02_09/Ibridi-tra-esseri-umani-e-animali-sono-una-catastrofe-dei-nostri-giorni-2583/
Foto: urbanlegends.about.com
http://cdn.ruvr.ru/2014/02/09/1178005383/428341603_79f8bab39a.jpg
Gli scienziati in diversi paesi stanno creando fantasiosi ibridi tra esseri umani e animali che possono seminare il panico nella società. Soltanto negli ultimi 10 anni il progresso nel campo dell'ingegneria genetica ha sbalordito gli scienziati e i semplici osservatori.
Oggi la creazione delle nuove forme di vita, è il satanismo, del NWO.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
1 ora fa

Ucraina: Usa, misure per isolare Russia [ voi finirete per mangiare, i vostri figli sull'altare di satana! ] Segretario Tesoro, Mosca non ha posto nel G8 se continua così
05 marzo, #NEW YORK, [ tutte le nazioni del mondo, si devono ribellare all'imperialismo USA, di: farisei anglo-americani FMI, oppure, voi finirete per mangiare, i vostri figli sull'altare di satana! ] Le azioni della Russia in Ucraina hanno violato le norme internazionali. Gli Stati Uniti stanno mettendo a punto misure per isolare ulteriormente la Russia. Lo afferma il segretario al Tesoro americano, Jack Lew, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg. La Russia, aggiunge, non ha un posto nel G8 se continua con le politiche che sta perseguendo in Ucraina.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

[ eih satanista Bush 322, NWO. tu smetti di bere il sangue in Messico e nella america latina, smetti di fare il commercio di organi umani, nelle tue basi, città sotterranee, di alieni area 51, ecc.. tu ti stai diverendo troppo.. ma, io o una notizia per te: " non ride sempre, la moglie del ladro! "] Oliver Stone rende omaggio a Chavez. Prima del documentario del regista per anniversario morte. 05 marzo, #CARACAS, In occasione del primo anniversario della morte di Hugo Chavez il canale tv Telesur, con base a Caracas, presenta oggi in esclusiva "Mi amigo Hugo", il documentario realizzato del regista americano Oliver Stone in omaggio al "comandante eterno" della rivoluzione bolivariana. Il film raccoglie testimonianze di leader politici, artisti ed intellettuali che hanno conosciuto personalmente il presidente venezuelano. "Ho voluto esprimere l'affetto che sentivo verso Chavez", ha detto Stone.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

[ bla, bla, bla,] Tesoro: [ bla, bla, bla,] azione governo su lavoro-crescita [ bla, bla, bla,]
In linea con ambizioso piano chiesto da Ue, ora daremo svolta [ bla, bla, bla,] 05 marzo, #ROMA, [ bla, bla, bla, ma sono le stesse parole, di tutti i governi massonici degli ultimi 50 anni.. ma, questa è la verità, senza sovranità monetaria, si può andare, soltanto, di male in peggio, ecco perché i goym animali di rothschild devono andare al macello della terza guerra mondiale! ] ''Ora è giunto il momento di porre al centro dell'azione del Governo la crescita economica e l'occupazione''. E' quanto afferma il ministero dell'Economia in una nota nella quale afferma che ''il governo intende dare una svolta'' e che le riforme previste sono ''in linea'' con l'"ambizioso piano" richiesto dall'Unione europea.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Povertà, non erogati 50 mln social card. Monitoraggio Caritas-Save the Children denuncia inadempienze. 05 marzo, #ROMA, [ ma cosa importa ai massoni Bildenberg? se, non erano satanisti? non avrebbero mai rubato, la sovranità monetaria al popolo! ] A 2 anni dal provvedimento che istituiva la nuova social card per le famiglie povere con bambini e a fronte di 50 milioni di euro stanziati, ancora nessuna famiglia ha ricevuto il sostegno. Nel frattempo in Italia un bambino su 10 è in condizioni di povertà assoluta, +30% in un anno. Lo denuncia un monitoraggio effettuato da Caritas Italiana e Save the Children, che chiedono al Governo e ai Comuni di rivedere le modalità di assegnazione della carta, che, consente acquisti fino a 404 euro al mese.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Cameron? soltanto un satanista massone può parlare così! "difficile si tenga G8 a Sochi. Premier Gb, status quo in Crimea è inaccettabile. 05 marzo, #LONDRA, [ quale situazione geopolitica è cambiata, se, non in modo, completamente, sfavorevole, ai danni della Russia, dopo il golpe, che, Kerry 322 Bush hanno fatto a Kiev? noi per ritorsione, abbandoneremo, il Fondo monetario internazionale!  ] E' difficile immaginare come, si possa tenere la riunione del G8, a Sochi in giugno. Lo ha dichiarato oggi David Cameron, intervenendo sulla crisi in Ucraina, durante il 'question time' alla Camera dei Comuni. Il premier britannico ha aggiunto, che, nulla deve essere escluso in termini di sanzioni, e sottolineato che l'attuale status quo in Crimea, è ''inaccettabile'', e che, quanto fatto da Mosca, avrà ''costi e conseguenze''.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Qatar: tre Paesi ritirano ambasciatori: Di Arabia Saudita, Emirati e Bahrein, per ingerenze Doha. 05 marzo, #RIAD, [ MISERABILI CRIMINALI. sono dei disgraziati, fingono di litigare, tra di loro, soltanto perché, loro vogliono nascondere, il complotto della LEGA ARABA, contro, Israele ] L'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi e il Bahrein hanno deciso di ritirare i loro ambasciatori dal Qatar denunciando le ingerenze delle autorita' di Doha negli affari interni dei paesi vicini. Lo riferisce l'agenzia saudita Spa, all'indomani di una riunione dei ministri degli Esteri dei Paesi del Golfo a Riad. Il Qatar, da parte sua, si é detto rammaricato della decisione dei tre Paesi vicini, e ha affermato di non avere l'intenzione di adottare una misura reciproca.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

05 marzo, #DAMASCO, [ a questo punto, se, Israele, non porta le prove, di quei due cadaveri, che dice di avere ucciso.. poi, è la Siria, che, ha ragione in questa contesa.. mai, Israele, deve aiutare i terroriti sauditi, che, sgozzano i martiri cristiani.. altrimenti, l'alleanza, con, i cristiani si spezzerà! ] La Siria ha denunciato una "aggressione" di Israele per un lancio di razzi sulle Alture del Golan che avrebbe provocato 11 feriti, tra cui 7 membri della sicurezza. In precedenza le forze armate israeliane avevano detto di avere colpito "due terroristi Hezbollah" che, stavano piazzando un ordigno presso i reticolati che separano i confini del Golan. Damasco invece afferma, che, "l'aggressione conferma, il coinvolgimento diretto dell'entita' sionista, a sostegno dei gruppi terroristi". [ Israele deve dichiarare la sua neutralità, nel conflitto siriano! ]
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Israele blocca nave con armi per Gaza. Fermata nel Mar Rosso, protesta all'Onu, contro Teheran. 05 marzo, #TEL AVIV, [ ok! voi avete dato il nucleare aad un terrorista! ora deve essere smantellata ogni struttura nucleare iraniana! ] La marina israeliana ha fermato nel Mar rosso una nave partita dall'Iran, con armi destinate ad Hamas a Gaza. ''Un'operazione perfetta'', l'ha definita il premier israeliano Benyamin Netanyahu. Il ministero degli esteri israeliano, inviera' una nota di formale protesta al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, contro, l'Iran, accusato di violare la Risoluzione del Consiglio di Sicurezza, che, proibisce l'esportazione di ogni arma... ( armi ai terroristi di Hamas! ora Israele ha il dovere di intervenire, anche da solo, se necessario! se, non lo fa, poi, non interviene, io dirò, che, i massoni israeliani, hanno tradito Israele, per fare il NWO di Rothschild, che è il satanismo della agenda guerra mondiale! )
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Kiev: da partito Iulia ddl adesione Nato. 'Patria', status Ucraina non ha garantito sicurezza. 05 marzo, #KIEV, [ se, la NATO fa una alleanza con un governo illegale, perderà, di consistenza, ogni sua valida precedente, posizione giudica.. non ci sarebbe per la NATO, un modo migliore di delegittiarsi, che, di fare un accordo con un parlamento non elettivo, come, quello di KIEV, che è la conseguenza di un golpe! ma, ovviamente, se, la NATO, cerca, un pretesto per la guerra mondiale poi, questa è la sua occasione migliore! ] Il parlamento ucraino ha registrato una proposta per l'ingresso di Kiev nella Nato. Lo sostiene l'agenzia di stampa nazionale russa Itar-Tass aggiungendo, che, il ddl è stato avanzato da deputati del partito di Iulia Timoshenko 'Patria', secondo cui, lo status di Paese, non allineato, non ha garantito all'Ucraina nessuna sicurezza. [ e che sicurezza, troverebbero proprio loro, in una guerra mondiale? ]
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

[ non credo, che, la Germania, rischierà la sua disintegrazione, per la Ucraina, nel partecipare a una guerra mondiale, contro, la Russia! ] Ucraina, del colpo di Stato massonico, accusa Mosca di cercare la guerra.. ed ovviamente, questo non ha un fondamento.. 05 marzo, infatti: La Russia 'non permetterà un bagno di sangue' in Ucraina. Lo ha dichiarato il ministro degli esteri russo Lavrov, che, nel pomeriggio avrà un incontro bilaterale a Parigi con l'italiana Mogherini. [ ci sono dei diritti di fatto, che, in Crimea devono essere riconosciuti a Mosca! ecco perché l'abusivo e criminale illegare Governo golpista di Kiev, sta assumento un comportmento molto provocatorio! .. ma, se fanno gli scemi nessuno di loro sfuggirà ad una morte terribile! ] Mosca valuta intanto, la confisca di beni delle imprese e dei cittadini occidentali in caso di sanzioni alla Russia per il suo intervento in Crimea, mentre le forze russe hanno preso il controllo parziale di due basi missilistiche. E l'Ucraina accusa: vogliono 'provocare un primo spargimento disangue che porti a un conflitto militare'. La Commissione europea ha messo a punto un pacchetto di supporto da 11mld in due anni per Kiev, in cambio di riforme.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Putin tra candidati Nobel per la pace, con Snowden e Papa Francesco. 05 marzo, #MOSCA, [ Putin come ogni cristiano, lui non vuole il nobel dei massoni Bildenberg, lui vuole la pace, ma, non a prezzo della dignità, che, porterebbe a morire persone innocenti. ] Putin candidato al Nobel per la pace. Lo ha annunciato il direttore dell'istituto Nobel ad Oslo, Geir Lundestad. Tra i candidati anche Papa Francesco e Edward Snowden, la talpa del Datagate che ha ricevuto asilo in Russia. Putin e' stato candidato per il suo ruolo nella crisi siriana, ma e' piu' che probabile che la commissione per il Nobel valuti anche il suo intervento nella situazione ucraina. A ricevere la nomination e' stato un numero record di 278 candidati, incluse 47 organizzazioni.
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Tzipora Malka Livni detta Tzipi è una politica, avvocato ed ex agente segreto israeliana. Attualmente è il leader del partito HaTnuah e parlamentare della Knesset e Ministro della giustizia del governo Netanyahu. [] mi ricordo di te: figlia, una volta io ti ho visto piangere!
Rispondi
 ·
Rothschild hell
2 ore fa

Papa: non assuefarsi alla violenza. Assuefazione ci insidia, superiamo cecità di società senza Dio. 05 marzo, #VATICANO, [ come è possibile, che, nessun governo, in tutto il mondo, denunci il martirio dei cristiani, che, muoiono per il crimine della sharia? Questo è un grande male, che, finirà in tragedia, per la legge spirituale del contrappasso. ] Il Papa invita a "lasciare le abitudini stanche della pigra assuefazione, al male che ci insidia". A "non dare per scontata la violenza", i "fratelli e le sorelle che, dormono per strada e non hanno un tetto per ripararsi, i profughi in cerca di dignità". Lo ha detto il Papa nella udienza, spiegando che la Quaresima è tempo di penitenza, per riscoprire l'amore di Dio, che, può aiutare a "cambiare in meglio", superando la cecità di una "società che, pretende di vivere facendo a meno di Dio".
Rispondi
 ·
Rothschild hell
3 ore fa

[ islamici maniaci religiosi non hanno nessun rispetto per la vita umana! sono come i satanisti Kerry 322, totalmente bugiardi, e totalmente ipocriti! ] Iraq: attacchi a quartieri sciiti Baghdad. Nove attentati hanno causato oggi almeno 12 morti. 05 marzo, #BAGHDAD, [ non dovete credere a nulla, di tutto questo, l'ostilità è finta, essa è presente, soltanto, nel popolo.. voi dovete vedere come si baciano bene, alla Mecca, dov c'è labominevole idolo bestia, tutti i leader dell'Iran, con tutti i leder della ARABIA SAUDITA! ] Nove attentati che hanno colpito soprattutto i quartieri sciiti di Baghdad hanno causato oggi almeno 12 morti. Lo riferiscono le autorità locali. L'Iraq in questi mesi sta vivendo la peggiore ondata di violenza degli ultimi sei anni.

Siria:Golan, Israele, colpiti 2 Hezbollah. Forze armate: 'terroristi' sistemavano ordigno presso reticolati. 05 marzo, #TEL AVIV, [ non dobbiamo essere semplicistici, e dire: "la morte hanno voluto dare, e la morte hanno avuto.. così, è giusto!" qui, non è soltanto, colpevole il Libano.. le complicità di questo crimine, complotto, devono essere trovate a 360°. e coloro che, non riconoscono Israele, devono essere uccisi tutti, con l'accusa di tentato genocidio! .] L'esercito israeliano ha colpito stamane ''due terroristi Hezbollah'' che cercavano di sistemare un ordigno presso i reticolati nel settore nord delle alture del Golan. Lo afferma un comunicato delle forze armate che fornisce nuovi elementi sull'incidente avvenuto questa mattina al confine tra Israele e Siria. Secondo l'esercito i due miliziani sono stati centrati. Uomini della milizia sciita libanese Hezbollah combattono in Siria a fianco delle truppe di Assad.


Lavrov, non permetteremo bagno sangue. Mosca, in Crimea forze autodifesa su cui non abbiamo autorita'. 05 marzo, #MOSCA, [non c'è nessuna persona al mondo, che, può credere, che, i massoni Bildenberg UE USA, sono i buoni, e che, i Russi sono i cattivi.. anzi .. anzi! ] La Russia "non permettera' un bagno di sangue" in Ucraina. "Non permetteremo alcun attentato contro la vita e la salute di quelli che vivono in Ucraina, ne' contro i russi che vivono in Ucraina", ha dichiarato il capo della diplomazia russa Serghiei Lavrov da Madrid, citato dalle agenzie russe. Lavrov ha ribadito che quelle in azione in Ucraina sono forze di autodifesa create dagli abitanti sulle quali Mosca non ha "alcuna autorita'".
Rispondi
 ·
Rothschild hell
3 ore fa

Crimea attende annuncio su quesito referendum [] Verra' messa in votazione l'indipendenza dall'Ucraina.. [] è proprio questa la procedura corretta da seguire!
03 marzo 2014, 15:27
Rispondi
 ·
Rothschild hell
6 ore fa

Oggetto: 1. denuncia alla Corte costituzione il crimine di cristianofobia della ideologia gender. 2. Violazione della libertà di parola, coscienza e religione
3. Violazione del diritto dei genitori circa la educazione dei figli! tutto il crimine della ideologia Gender, dichiarare: 1. Dio, 2. la Bibbia, 3. tutti i credenti in Dio, 4. tutti gli uomini agnostici, di buona volontà, che, credono nella legge naturale, ... dichiararli tutti criminali! a tanto: è giunta la perversione: dei pervertiti, Sodoma e Gomorra, .. questo è certo: i Bildenberg, del sistema massonico gli anticristi, colpiti da 666 scomuniche della VERA, Chiesa Cattolica, loro vogliono distruggere il genere umano! []
A proposito della rivoluzione del gender. Tre miti da smascherare. L'Osservatore Romano. (Marguerite Peeters) Cominciamo con lo smascherare tre miti che ci paralizzano nella risposta che siamo chiamati a dare alla rivoluzione del gender. Perché indubbiamente si tratta di una rivoluzione. Molti credono che il gender sia un progetto esclusivamente omosessuale, e dunque minoritario. Ebbene, il gender storicamente ha una duplice origine. E ha oggi una duplice applicazione: femminista radicale e omosessuale. Queste due interpretazioni sono inscindibili. Il loro elemento comune è di considerare l'identità maschile e quella femminile, la complementarietà tra uomo e donna, la vocazione nuziale della persona umana, il matrimonio, tra, un uomo e una donna, la famiglia fondata sul matrimonio, la paternità e la maternità, la vocazione educativa del padre e della madre, la filialità come altrettante costruzioni sociali contrarie all'uguaglianza e alla libertà civili e discriminatorie, in particolare per le donne e gli omosessuali. Occorre dunque decostruire sistematicamente questi supposti stereotipi, che, in realtà sono dati costitutivi fondamentali di ogni persona umana. Bisogna decostruirli con tutti i mezzi, educativi prima di tutto, ma anche politici, legislativi, culturali (mode, musica, film, linguaggio). È questa l'essenza del sovvertimento compiuto dalla rivoluzione del gender. Va ben al di là, è evidente, delle agende femministe radicale e omosessuale. Si tratta di rifondare la società su un'"umanità nuova", "liberata" dai termini uomo e donna, padre e madre, sposo e sposa, figlio e figlia, matrimonio e famiglia, che non avrebbero più diritto di cittadinanza. Nella società attuale, sessualmente indifferenziata, non resterebbero che cittadini-individui, "liberati" da ciò che sono, vale a dire persone predisposte all'amore e alla felicità. L'amore in effetti non può essere individualista; è sempre personale. L'obiettivo della rivoluzione del gender è di permettere a tutti i cittadini-individui del mondo di accedere al piacere sessuale "senza ostacoli" e al potere di autodeterminarsi al di fuori della propria identità sessuale. Secondo mito: il gender non è una "teoria" stramba, capace di sedurre solo certe popolazioni o maggioranze parlamentari, per esempio in Francia con la legge del matrimonio per tutti. Divenuta norma politica universale alla quarta Conferenza mondiale dell'Onu sulle donne nel 1995, e da allora una delle priorità trasversali del governo mondiale, la prospettiva del gender viene ormai applicata in tutto il mondo e ci riguarda tutti. Benché il suo contenuto sia di una violenza inaudita, aberrante, la rivoluzione del gender utilizza strategie e tecniche di trasformazione sociale dolci, che, la rendono spesso impercettibile, per cui le maggioranze, non ne hanno ancora preso coscienza. Non vogliamo essere montoni, di Panurge, vero? Per seguire passivamente e stupidamente il montone, rifiutandosi di autodeterminarsi liberamente, tutto il gregge si è gettato nell'oceano, ed è affogato. Infine, il gender non è stato tirato fuori dal cappello qualche anno fa: s'innesta su un lungo processo di rivoluzione culturale occidentale di cui è il prolungamento logico. Le sue origini, nella nostra storia, risalgono al XVIII secolo. Non dimentichiamo che il Manifesto del Partito Comunista di Karl Marx è stato pubblicato nel 1848: sessantanove anni prima della rivoluzione bolscevica.
Sono trascorsi cinquant'otto anni da quando l'interpretazione ideologica del termine gender, è apparsa per la prima volta negli Stati Uniti. Ma, più di due secoli e mezzo ci separano dall'epoca, in cui i valori universali di uguaglianza e di libertà, si sono affermati — fortunatamente tra l'altro, avendo favorito lo sviluppo del senso della dignità di ogni persona umana — venendo già allora, mal interpretati dai filosofi e da altri attori influenti, in un modo che, ha segnato la nostra storia fino a oggi, e di cui il gender è l'ultimo frutto. L'ondata assassina di uno tsunami, si percepisce solo quando si avvicina alla costa.
L'Osservatore Romano, 4 marzo 2014. Posted by Il sismografo ore 18:19
TG 24 Siria ha condiviso un link.

Gli Ultimi dalla #Siria: Video Notizie:
- #Putin: Quello che sta succedendo in Ucraina è un colpo di stato
- L'esercito ripresina la stabilità e la sicurezza alla città di Hweijet al-Mreiyia a #Deir_Ezzor
- Autorità sequestra bus carico di armi e munizioni sulla strada di al-#Qtaifeh sobborgo di Damasco
- Esercito stabilisce il controllo sulle località al-#Sahl e al-Aqaba in Qalamoun, sobborgo Damasco
- Unità dell'esercito eliminare terroristi in località Talbiseh, Al-Zara e il Crac dei cavalieri, in sobborgo di #Homs
- Fonte militare: unità dell'esercito distrugge numero di vetture equipaggiate con mitragliatrici medie, elimina un certo numero di terroristi dentro la città di #Yabrood
- Il ministro della Salute: quarta campagna di vaccinazione anti Polio procedendo bene, nessun caso nuovo è stato registrato.
- Continuano le marce popolari in tutta la Siria per esprimere il sostegno all'esercito e ai principi nazionali
- #India e Siria celebrano il 49esimo anniversario cooperazione ITE
- #Maduro: #Venezuela ha diritto di vivere in pace
- Ministero degli Esteri e degli Espatriati ha detto deplorevole dalle parole pronunciate dal Segretario generale dell'ONU Ban Ki -moon che contraddicono la realtà e l'obiettività per quanto riguarda la situazione umanitaria in Siria e la prestazione della delegazione della Repubblica araba siriana alla conferenza di Ginevra .
*
http://youtu.be/WCrFTTJmqQ0


Pedofilia: lobby vogliono processare la Chiesa ma promuovono sesso tra bambini
A Ginevra la riunione sulla Convenzione per i diritti del fanciullo, è divenuta teatro di attacchi strumentali alla Santa Sede
La nuova Bussola quotidiana
17.01.2014
di Riccardo Cascioli

«L'Onu affronta il Vaticano sugli abusi dei minori»: così titolava ieri il sito della BBC quella che per diverse ore è stata la prima notizia, la più importante del giorno. E poi spiegava: «In un'audizione all'Onu a Ginevra, per la prima volta il Vaticano deve rispondere pubblicamente sugli abusi sessuali commessi dal clero». Fossero davvero così le cose, certo che un processo pubblico internazionale alla Santa Sede sarebbe una notiziona. Peccato però che le cose non stiano affatto così: l'audizione di cui si parla è la riunione, attualmente in corso a Ginevra, delle parti contraenti la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo, tra cui appunto la Santa Sede (che l'ha firmata nel 1990). Periodicamente ciascun Paese presenta una propria relazione, che viene ovviamente discussa. Il 16 gennaio «toccava a noi», ci dice monsignor Silvano Tomasi, Osservatore vaticano presso l'Onu di Ginevra, in una pausa dei lavori, «e tutto si svolge regolarmente, non c'è proprio nessun processo». Nessun attacco sulla vicenda dei preti pedofili? «Ovviamente si è parlato anche di questo, ma abbiamo chiarito la nostra posizione senza problemi; c'è stato solo qualche intervento velenoso da parte di una Organizzazione non Governativa (Ong) inglese».

Alt. Ecco la chiave di una notizia – che oggi qualche giornale italiano non mancherà di riprendere – costruita ad arte per gettare discredito sulla Chiesa cattolica, nell'ottica di quel documento della Pontificia Commissione Teologica di cui riferiamo a parte (clicca qui). Sì, perché in queste Commissioni dell'Onu non ci sono soltanto i rappresentanti dei singoli Paesi ma anche Organizzazioni non governative che operano in quello specifico settore. E la Ong che ha organizzato il tutto è la britannica CRIN (Child Rights International Network), spalleggiata dalla BBC, che – come noto – non vede mai l'ora di rilanciare notizie che screditano i cattolici e la Chiesa.

CRIN ha infatti diffuso il 14 gennaio un proprio Rapporto preliminare sugli abusi dei minori da parte della Santa Sede (clicca qui), che doveva servire da base per organizzare il "processo" del 16. E ieri, giorno dell'audizione, sul sito di CRIN è stata trascritta – quasi in tempo reale – la sintesi della seduta, ma raccontata in modo surreale come se fosse davvero un processo. L'aula della riunione era affollata di giornalisti e spettatori, richiamati per l'occasione. Non potevano poi mancare i rappresentanti delle associazioni di vittime degli abusi, abbondantemente intervistati dai giornalisti presenti. Nella cronaca offerta da CRIN, al tono inquisitorio si sommano cifre semplicemente inverosimili, come la stima attribuita a un membro della Commissione secondo cui sarebbero 73 milioni i bambini abusati sessualmente da sacerdoti e religiosi.

In realtà lo stesso Rapporto del CRIN riporta che si tratta di migliaia di casi, non di decine di milioni. Anche uno solo sarebbe troppo, come abbiamo avuto più volte modo di dire, e lo scandalo è stato enorme per la Chiesa, ma sparare quelle cifre non è certo un'operazione innocente. Lo stesso Rapporto del CRIN, ad esempio, riporta che negli Usa dal 1950 al 2002 le vittime di abusi sessuali sono state poco più di 10mila, cifra peraltro ricavata dal rapporto del John Jay College, di cui anche La Nuova BQ ha parlato a suo tempo (clicca qui). Peraltro ieri monsignor Tomasi ha citato invece le stime dei bambini vittime di violenze sessuali nel mondo, secondo il "Rapporto Onu sulla violenza contro i bambini" (2006): 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati costretti a rapporto sessuali o ad altre forme di violenza sessuale che implicano un contatto fisico.
A proposito di cifre è bene mettere in rilievo un'altra palese falsità del CRIN: lo scopo dichiarato del Rapporto e del resoconto sull'audizione è quello di dimostrare che la Chiesa cattolica è tuttora connivente con i responsabili degli abusi, che ha sempre cercato di coprire la verità, che è reticente nel riconoscere le responsabilità e garantire la trasparenza. Non può poi mancare il riferimento a papa Francesco, unica speranza per cambiare qualcosa nella Chiesa: secondo il CRIN, qualche cambiamento in materia di pedofilia si è avuto soltanto con questo pontificato. Chi ha seguito anche solo distrattamente i fatti sa benissimo che si tratta di una menzogna colossale, visto che è con Benedetto XVI che sono state prese decisioni drastiche sull'argomento, e monsignor Tomasi le ha ricordate nel suo intervento di presentazione della relazione della Santa Sede. Inoltre è lo stesso Rapporto del CRIN a smentire le pretese della Ong: i numeri riportati quanto a vittime e preti responsabili vengono quasi esclusivamente da fonti ecclesiali (studi commissionati dalle singole conferenze episcopali) a dimostrazione della linea della trasparenza adottata dalla Chiesa già da tempo.
In effetti questa è l'ennesima dimostrazione che le accuse di pedofilia sono solo un pretesto per colpire la Chiesa. Convinzione che si fa ancora più certa se si comincia a curiosare per scoprire che cosa è il CRIN e chi lo finanzia. Nel Consiglio di amministrazione troviamo infatti rappresentanti di alcune Ong come Save the Children e Christian Aid (Save the Children è uno stretto partner di Fondazioni, come Bill e Melinda Gates, per la promozione del controllo delle nascite) nonché l'onnipresente Open Society Initiative del finanziere George Soros. Tra i finanziatori troviamo ancora Save the Children, poi i governi svedese e norvegese, il Sigrid Rausing Trust (un fondo britannico che offre aiuti economici per la promozione dei diritti umani, tra cui ovviamente quelli di gay, lesbiche, trans).
Non sorprende quindi che tra i programmi promossi per difendere l'infanzia ci sia la diffusione dell'educazione sessuale fin dalla più tenera età, in perfetta sintonia con le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nella pagina del sito del CRIN dedicata all'argomento si nota anche che ad esercitare una cattiva influenza sulla diffusione dell'educazione sessuale - che ovviamente è un traguardo fondamentale per lo sviluppo dei bambini (sic) - siano, tra gli altri, coloro che sono contrari all'aborto. Parte integrante poi dell'educazione sessuale è ovviamente l'ideologia di genere.
E così ci troviamo sempre allo stesso punto: c'è una lobby che spinge per diffondere contraccezione, aborto, diritti di gay e lesbiche e ha individuato nella Chiesa cattolica il suo nemico, e quindi cerca di abbatterlo con ogni mezzo. Arrivando peraltro a esiti paradossali: accusano la Chiesa per gli abusi sui minori e poi promuovono rapporti sessuali a partire dall'infanzia.
Qui l'articolo originale
http://lanuovabq.it/it/articoli-pedofilia-processano-la-chiesama-promuovono-il-sesso-tra-bambini-8221.htm
sources: La nuova Bussola quotidiana


Attacco ONU alla Chiesa: si alza l'asticella di una guerra ideologica e dottrinale
Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo, fondato su osservazioni per lo più superficiali e contraddittorie, è un esempio di ingerenza dottrinale che ha radici profonde
Emanuele D'Onofrio
ALTRO DI QUESTO AUTORE (60)
08.02.2014
© Filippo MONTEFORTE / AFP
Ai tempi della scuola chi non si è imbattuto nei propri libri di storia in lunghi capitoli che raccontavano del "secolarismo" della Chiesa, pronti a combattere gli Stati d'Europa per difendere o ampliare i territori dello Stato Pontificio? Ai giorni nostri, invece, ci siamo abituati ad assistere al fenomeno opposto, e cioè ad un costante assedio da parte del "pensiero unico" laico ai territori che la Chiesa ancora conserva come i propri, quelli ideali della morale e della dottrina. Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo diffuso il 5 febbraio scorso, un documento di sedici pagine che vuole valutare la conformità dello Stato della Città del Vaticano rispetto alla Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia, è solo l'ultimo attacco, e di certo il più eclatante, che arriva dal pulpito laico più condiviso del pianeta. Il rapporto giunge in risposta all'audizione tenuta da monsignor Silvano Tomasi il 14 gennaio scorso, che presentava – atto richiesto a tutti gli Stati firmatari – i progressi della Santa Sede nell'applicazione della Convenzione che, ricordiamo la Santa Sede ha firmato nel 1990. Ebbene, il rapporto del Comitato, per la sua durezza costruita soprattutto su pregiudizi, faziosità e lacune, ha indotto molti osservatori a riconoscere un forte elemento di "cattofobia" da parte delle Nazioni Unite. Questo atteggiamento ha radici lontane, e ci chiede di analizzare il documento in profondità.

Se guardiamo la carta d'identità del Comitato per i Diritti del Fanciullo, scopriamo che si tratta di un gruppo di 18 persone elette dai membri firmatari della Convenzione, che lo statuto dell'ONU definisce "indipendenti", "di carattere altamente morale" e "di riconosciuta competenza nel campo dei diritti umani". L'aggettivo "indipendente" stabilisce che questi esperti esprimono posizioni personali, non vincolanti e non rappresentative dei Paesi di provenienza (tra questi, va notato, ritroviamo l'Arabia Saudita e la Federazione Russa, nazioni tutt'altro che limpide in tema di diritti umani). La guida di questo comitato è affidata a Susana Villarán, sindaco di Lima, cattolica conosciuta per le sue vivaci campagne condotte contro i vescovi del suo Paese a favore del matrimonio omosessuale, dell'aborto e delle questioni legate al genere, campagne che includono partecipazioni a gay pride e simbolici matrimoni omosessuali (non legali in Perù) celebrati presso il suo comune. Insomma, per comprendere le ragioni di questo atteggiamento anticattolico in seno all'ONU, occorre guardare alle basi del funzionamento dei suoi organismi. In merito a questo il direttore di La Nuova Bussola Quotidiana Riccardo Cascioli, intervistato da Aleteia, ha dichiarato: "In realtà oggi all'ONU il vero potere ce l'hanno in mano le agenzie: queste sono più di 40, vanno dall'UNICEF, all'Organizzazione Mondiale della Sanità, per citare solo le più note. Nel corso degli anni questi programmi, commissioni e agenzie hanno acquisito un potere importante, in quanto agiscono sul territorio delle singole nazioni e avendo in mano una notevole quantità di fondi comandano anche le operazioni. Tanto per fare un esempio, le politiche di controllo delle nascite nei Paesi in via di sviluppo molto si devono al potere di queste agenzie, che sono in grado di negare i fondi a quegli stati che non incoraggiano all'uso dei contraccettivi o all'aborto".

Father loves KAABA Son

Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for EuropePublished: Dec. 7, 2015 Fr Douglas reveals news that a flight taking displaced Christians from Iraq to Slovakia is delayed, Dec 2015World Watch Monitor We know that some Eastern European countries have been specifying that they are happy to take Christians direct from Iraqi IDP camps, and months of work had started to identify and move some of them out to a new life in Europe. But now, the closure of all airports in northern Iraq because of anticipated air attacks on Islamic State has left 150 already-displaced Christians temporarily stranded in the Kurdish capital, Erbil. The group had all been selected to have flown to Slovakia today, direct from their camp, but officials told them to expect a delay of 48 hours. Yesterday the group attended a farewell service held in Mar Elia church in Ankawa, the Christian neighbourhood of Erbil. Over the past 15 months the whole Christian community in the church compound has bonded strongly.  Many of them have been living in a makeshift camp in the church’s garden after they, and thousands of others, fled cities now under Islamic State control. The Mar Elia leaders tried to accommodate as many of them as possible after they left Mosul, Karamlesh, Qarakosh and other villages on the Nineveh plain. The group have had a common experience of hardship after arriving at the camp –  first living in different types of tents, then container-like shelters; bearing the same hot summers and cold winters, and all in a small church garden, with limited personal space. Saying goodbye at a celebration dinner after the church service was a time for mixed feelings. Ramy, 22, said:  “It’s difficult for me to smile any more, but I want to, because I believe in goodbyes with a smile instead of with tears.” However, the celebrations at the church were interrupted with bad news. At 8:30pm Father Douglas, the leader of Mar Elia church, was told about the 48-hour closure of Erbil and other airports in northern Iraq. The precise reasons for closure weren’t given but Fr Douglas believes that potential air attacks on Islamic State were to blame: “Russia is said to be sending missiles to several targets and therefore the airspace needs to be ‘free’. My people are a little bit disappointed, but they have been waiting for 15 months already and so two days does not make much difference”.  Nisan Hekmat is one of the Christians who was about to travel to Slovakia with his family.  “They told me that travel is delayed for 48 hours. In Iraq this is not unusual. In other countries it may be different but here it’s ‘normal’ to hear good news and bad news all at the same time. “It is difficult for us all. Friends and family came to say goodbye and now the journey has been put on hold. We have everything packed and we’ve given away things (that we can’t take with us) like rice and oil that other families will need.”  Hekmat and his family are resigned to spending a few more days in Erbil. Fr Douglas hopes the 48-hour closure will not be extended and the families will soon be able to start a new life. “My people want to have a future. I’m not trying to give them a future, but I am trying to provide a path for them to have a future. No one is forced to leave, no one is forced to stay. It is a personal decision.” Iraq’s Civil Aviation Authority has given no update to Sunday evening’s notice about “possible missile movement throughout the airspace of northern Iraq”. The group heading to Slovakia hear news about the delays
dominus UniusRei Dominus
Three killed outside 'Christian' radio station in Mali Published: Dec. 18, 2015 Three men were killed when an unidentified gunman opened fire outside a Christian radio station in ...5 years on: what has the Arab Spring meant for Christians? Published: Dec. 17, 2015 The Arab Spring, which began five years ago today (17th December) started with a wave of protests in ... North Korea gives life sentence to Canadian pastor Published: Dec. 17, 2015 Hyeun-soo Lim, the Korean Canadian pastor detained in North Korea since February, was yesterday ... Egyptian brothers add to tally of Christians killed in Libya Published: Dec. 16, 2015 After Aung San Suu Kyi's election win, Myanmar's displaced Kachin are hopeful they can go home for Christmas Published: Dec. 16, 2015 18 Chibok parents have died as wait for girls goes on Published: Dec. 15, 2015Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for Europe Published: Dec. 7, 2015 Indian nationalists blame other faiths as census shows Hindus in decline Published: Dec. 7, 2015 Woman who survived 5 weeks in Boko Haram camp speaks for first time
dominus UniusRei Dominus
Christian women in Baghdad face intimidation to veilPublished: Dec. 18, 2015 The offensive poster is aimed squarely at Christian womenThe few Christians still holding out in Baghdad have found themselves at the receiving end of another barrage of intimidation. Posters appeared on the morning of 13 Dec. - a Sunday - near Christian places of worship with a message to Christian women to cover up, the London-based online news Al-Araby al-Jadeed said. The  Qatari-owned media, which says it aims to counter sectarian narratives, reported the messages were the work of the government-sanctioned “People’s Mobilisation” Shiite militias. Posters of a veiled Virgin Mary appeared around the mainly Shia neighbourhoods of Karada, Kadhimiya, Zayouna and Ghadir - in areas where Christians still form a noticeable minority. Addressed to “honourable Christian” women, they said “The Virgin Mary was veiled, for such has been the way of the prophets” and included a call to “pause and think deeply.” Their version of the Madonna’s iconic picture, included, however, an extra wrapping of cloth to cover from the chin down, in line with the Shia dress code. Patriarch Sako notes the trend of growing enroachments on freedomsWorld Watch MonitorThey read “The way (of the hijab) emanates from one “common divine source”, “one Lord who is Allah Almighty above all” (both Muslims and Christians). Satan dislikes [this way]”….“You have to follow the Virgin’s example, so why don’t you wear the hijab?” Posters had also appeared in some areas of the city in November, Catholic Fides News added. Al-Hashd Al-Shaabi, ‘People’s Mobilisation’, is a paramilitary umbrella under which various religious Shiite factions operate. The Hashd (‘mobilisation’) was formed by the Iraqi government in June 2014 as a counter-jihad to defend Baghdad, following the fall of Mosul to the Sunni jihadist “Islamic State,” or IS. “People, probably Shiite militias, pasted images of the Virgin on the homes of Christian families," Louis Sako Raphael, Head of the Chaldean Catholic church, said 15 Dec. Quoting eyewitnesses, Al-Araby al Jadeed claimed un-specified Shiite clerics were behind the offensive, which Christians have, not surprisingly, found to lack ‘charm’. “When you find those posters put up by militiamen right at your doorstep and next to your place of worship, it only means one thing: ‘You’d better obey, or else!’” said Hanna Sliwah, a 47-year-old Iraqi Christian. “To again see their freedom to dress thus threatened is very worrying for Christians, let alone for the larger Iraqi society,” French newspaper Le Figaro quoted Sako as saying. The Chaldean Catholic Patriarch cited other examples of intimidation, such as the recent proposed legislation to ban the sale of alcohol throughout the country. In November, the Iraqi Parliament passed a resolution forcing non-Muslim children to become Muslims if their father converts to Islam, or if their non-Muslim mother marries a Muslim. A call for ‘amendment’ was only heeded after Christian protests. Throughout some of the Sunni-dominated areas of Iraq, Christians have had to escape with the clothes on their backs, including in places where, historically, Christianity predominated. In 2014, IS overran Mosul, Iraq’s second largest city, and the surrounding Ninevah Plains to the north. So far, Christians have fared, by a limited margin, relatively better in Shia-majority areas of Iraq. “Apparently, we have no place here, either” said Sliwah, pointing out that similar messages were displayed around Baghdad government offices. Maria al-Chaldeani confirmed this soft-touch intimidation: “I was going about my business, issuing papers from a Baghdad government office. There, right at the entrance to the office stood a large poster of Christ, with the message underneath: ‘Cover up, my children!’ ” She said the instruction, like others, left little in the way of a choice. Isolated Incidents? Iraqi Christian MP Joseph Sliwa dismissed the issue as an “isolated” incident. “Some posters appeared here or there. They were promptly taken down after the matter was taken up with the authorities,” he told World Watch Monitor. Sliwa said it is ‘unthinkable’ the government, or the People’s Mobilisation, or even Shia clerics, could or should, be behind such incidents. Yet he acknowledged that issues abound. He said Christian women had been pressured to present hijab’ed photos to obtain passports. “Christian girls cannot go out to work, study, or even venture out in the streets without hijabs in cities across the (Shiite) south, such as Basra and Babel,”, though Seliwah said this was due to social, not official, pressure. Two-thirds of Iraq’s Christian population fled the country during the chaos that followed the US-led invasion. From around 1,500,000, or above 6% in 2003, current estimates are that barely 0.8% still remain in Iraq. In June 2015, a member of Baghdad municipal council claimed that nearly 70% of Christian-owned homes in Baghdad were illegally seized during the chaos post-2003. In an interview with Iraqi TV station Al-Mada, Mohammed al-Rubai said: “These houses belonged to Christians who fled from Baghdad, seeking refuge from violent attacks targeting them and their homes. The title deed documents have been falsified and the new title deeds have been lodged with the real estate registry. Many properties had been given illegally to other Iraqi citizens.” The result, he said, was that “it is possible that both parties [the original and new owners] can possess legally registered title deeds to the same property”. According to the NGO Baghdad Beituna [Baghdad Our Home], there have been more than 7,000 violations against properties belonging to Iraqi Christians in Baghdad since 2003. Saad Jassim, the group’s director, said in June too: “Most of the Christians who left Iraq for Europe had their homes stolen. Since then, their ownership was transferred, and the homes are now occupied by militia commanders and politicians in or close to power.” Christians have also repeatedly suffered kidnappings as well. For instance, October 2010 saw 58 people, including 41 hostages and priests, killed after an attack on a Catholic church in Baghdad. Long before the current IS came to gain such notoriety, Iraq's indigenous Christians were declared a “legitimate target”. In November 2010, a series of bombings and mortar attacks targeted Christian-majority areas in the capital. Since 2003, church bombings and other attacks by both Sunni militants and Tehran-backed Shia militias have found their way to the international headlines with more frequency. Out of a list of 50 countries where Christians find themselves most pressured, Open Doors’ World Watch List places Iraq as number 3 .
Pedofilia: lobby vogliono processare la Chiesa ma promuovono sesso tra bambini
A Ginevra la riunione sulla Convenzione per i diritti del fanciullo, è divenuta teatro di attacchi strumentali alla Santa Sede
La nuova Bussola quotidiana
17.01.2014
di Riccardo Cascioli

«L'Onu affronta il Vaticano sugli abusi dei minori»: così titolava ieri il sito della BBC quella che per diverse ore è stata la prima notizia, la più importante del giorno. E poi spiegava: «In un'audizione all'Onu a Ginevra, per la prima volta il Vaticano deve rispondere pubblicamente sugli abusi sessuali commessi dal clero». Fossero davvero così le cose, certo che un processo pubblico internazionale alla Santa Sede sarebbe una notiziona. Peccato però che le cose non stiano affatto così: l'audizione di cui si parla è la riunione, attualmente in corso a Ginevra, delle parti contraenti la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo, tra cui appunto la Santa Sede (che l'ha firmata nel 1990). Periodicamente ciascun Paese presenta una propria relazione, che viene ovviamente discussa. Il 16 gennaio «toccava a noi», ci dice monsignor Silvano Tomasi, Osservatore vaticano presso l'Onu di Ginevra, in una pausa dei lavori, «e tutto si svolge regolarmente, non c'è proprio nessun processo». Nessun attacco sulla vicenda dei preti pedofili? «Ovviamente si è parlato anche di questo, ma abbiamo chiarito la nostra posizione senza problemi; c'è stato solo qualche intervento velenoso da parte di una Organizzazione non Governativa (Ong) inglese».

Alt. Ecco la chiave di una notizia – che oggi qualche giornale italiano non mancherà di riprendere – costruita ad arte per gettare discredito sulla Chiesa cattolica, nell'ottica di quel documento della Pontificia Commissione Teologica di cui riferiamo a parte (clicca qui). Sì, perché in queste Commissioni dell'Onu non ci sono soltanto i rappresentanti dei singoli Paesi ma anche Organizzazioni non governative che operano in quello specifico settore. E la Ong che ha organizzato il tutto è la britannica CRIN (Child Rights International Network), spalleggiata dalla BBC, che – come noto – non vede mai l'ora di rilanciare notizie che screditano i cattolici e la Chiesa.

CRIN ha infatti diffuso il 14 gennaio un proprio Rapporto preliminare sugli abusi dei minori da parte della Santa Sede (clicca qui), che doveva servire da base per organizzare il "processo" del 16. E ieri, giorno dell'audizione, sul sito di CRIN è stata trascritta – quasi in tempo reale – la sintesi della seduta, ma raccontata in modo surreale come se fosse davvero un processo. L'aula della riunione era affollata di giornalisti e spettatori, richiamati per l'occasione. Non potevano poi mancare i rappresentanti delle associazioni di vittime degli abusi, abbondantemente intervistati dai giornalisti presenti. Nella cronaca offerta da CRIN, al tono inquisitorio si sommano cifre semplicemente inverosimili, come la stima attribuita a un membro della Commissione secondo cui sarebbero 73 milioni i bambini abusati sessualmente da sacerdoti e religiosi.

In realtà lo stesso Rapporto del CRIN riporta che si tratta di migliaia di casi, non di decine di milioni. Anche uno solo sarebbe troppo, come abbiamo avuto più volte modo di dire, e lo scandalo è stato enorme per la Chiesa, ma sparare quelle cifre non è certo un'operazione innocente. Lo stesso Rapporto del CRIN, ad esempio, riporta che negli Usa dal 1950 al 2002 le vittime di abusi sessuali sono state poco più di 10mila, cifra peraltro ricavata dal rapporto del John Jay College, di cui anche La Nuova BQ ha parlato a suo tempo (clicca qui). Peraltro ieri monsignor Tomasi ha citato invece le stime dei bambini vittime di violenze sessuali nel mondo, secondo il "Rapporto Onu sulla violenza contro i bambini" (2006): 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini sotto i 18 anni sono stati costretti a rapporto sessuali o ad altre forme di violenza sessuale che implicano un contatto fisico.
A proposito di cifre è bene mettere in rilievo un'altra palese falsità del CRIN: lo scopo dichiarato del Rapporto e del resoconto sull'audizione è quello di dimostrare che la Chiesa cattolica è tuttora connivente con i responsabili degli abusi, che ha sempre cercato di coprire la verità, che è reticente nel riconoscere le responsabilità e garantire la trasparenza. Non può poi mancare il riferimento a papa Francesco, unica speranza per cambiare qualcosa nella Chiesa: secondo il CRIN, qualche cambiamento in materia di pedofilia si è avuto soltanto con questo pontificato. Chi ha seguito anche solo distrattamente i fatti sa benissimo che si tratta di una menzogna colossale, visto che è con Benedetto XVI che sono state prese decisioni drastiche sull'argomento, e monsignor Tomasi le ha ricordate nel suo intervento di presentazione della relazione della Santa Sede. Inoltre è lo stesso Rapporto del CRIN a smentire le pretese della Ong: i numeri riportati quanto a vittime e preti responsabili vengono quasi esclusivamente da fonti ecclesiali (studi commissionati dalle singole conferenze episcopali) a dimostrazione della linea della trasparenza adottata dalla Chiesa già da tempo.
In effetti questa è l'ennesima dimostrazione che le accuse di pedofilia sono solo un pretesto per colpire la Chiesa. Convinzione che si fa ancora più certa se si comincia a curiosare per scoprire che cosa è il CRIN e chi lo finanzia. Nel Consiglio di amministrazione troviamo infatti rappresentanti di alcune Ong come Save the Children e Christian Aid (Save the Children è uno stretto partner di Fondazioni, come Bill e Melinda Gates, per la promozione del controllo delle nascite) nonché l'onnipresente Open Society Initiative del finanziere George Soros. Tra i finanziatori troviamo ancora Save the Children, poi i governi svedese e norvegese, il Sigrid Rausing Trust (un fondo britannico che offre aiuti economici per la promozione dei diritti umani, tra cui ovviamente quelli di gay, lesbiche, trans).
Non sorprende quindi che tra i programmi promossi per difendere l'infanzia ci sia la diffusione dell'educazione sessuale fin dalla più tenera età, in perfetta sintonia con le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Nella pagina del sito del CRIN dedicata all'argomento si nota anche che ad esercitare una cattiva influenza sulla diffusione dell'educazione sessuale - che ovviamente è un traguardo fondamentale per lo sviluppo dei bambini (sic) - siano, tra gli altri, coloro che sono contrari all'aborto. Parte integrante poi dell'educazione sessuale è ovviamente l'ideologia di genere.
E così ci troviamo sempre allo stesso punto: c'è una lobby che spinge per diffondere contraccezione, aborto, diritti di gay e lesbiche e ha individuato nella Chiesa cattolica il suo nemico, e quindi cerca di abbatterlo con ogni mezzo. Arrivando peraltro a esiti paradossali: accusano la Chiesa per gli abusi sui minori e poi promuovono rapporti sessuali a partire dall'infanzia.
Qui l'articolo originale
http://lanuovabq.it/it/articoli-pedofilia-processano-la-chiesama-promuovono-il-sesso-tra-bambini-8221.htm
sources: La nuova Bussola quotidiana

Attacco ONU alla Chiesa: si alza l'asticella di una guerra ideologica e dottrinale
Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo, fondato su osservazioni per lo più superficiali e contraddittorie, è un esempio di ingerenza dottrinale che ha radici profonde
Emanuele D'Onofrio
ALTRO DI QUESTO AUTORE (60)
08.02.2014
© Filippo MONTEFORTE / AFP
Ai tempi della scuola chi non si è imbattuto nei propri libri di storia in lunghi capitoli che raccontavano del "secolarismo" della Chiesa, pronti a combattere gli Stati d'Europa per difendere o ampliare i territori dello Stato Pontificio? Ai giorni nostri, invece, ci siamo abituati ad assistere al fenomeno opposto, e cioè ad un costante assedio da parte del "pensiero unico" laico ai territori che la Chiesa ancora conserva come i propri, quelli ideali della morale e della dottrina. Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo diffuso il 5 febbraio scorso, un documento di sedici pagine che vuole valutare la conformità dello Stato della Città del Vaticano rispetto alla Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia, è solo l'ultimo attacco, e di certo il più eclatante, che arriva dal pulpito laico più condiviso del pianeta. Il rapporto giunge in risposta all'audizione tenuta da monsignor Silvano Tomasi il 14 gennaio scorso, che presentava – atto richiesto a tutti gli Stati firmatari – i progressi della Santa Sede nell'applicazione della Convenzione che, ricordiamo la Santa Sede ha firmato nel 1990. Ebbene, il rapporto del Comitato, per la sua durezza costruita soprattutto su pregiudizi, faziosità e lacune, ha indotto molti osservatori a riconoscere un forte elemento di "cattofobia" da parte delle Nazioni Unite. Questo atteggiamento ha radici lontane, e ci chiede di analizzare il documento in profondità.

Se guardiamo la carta d'identità del Comitato per i Diritti del Fanciullo, scopriamo che si tratta di un gruppo di 18 persone elette dai membri firmatari della Convenzione, che lo statuto dell'ONU definisce "indipendenti", "di carattere altamente morale" e "di riconosciuta competenza nel campo dei diritti umani". L'aggettivo "indipendente" stabilisce che questi esperti esprimono posizioni personali, non vincolanti e non rappresentative dei Paesi di provenienza (tra questi, va notato, ritroviamo l'Arabia Saudita e la Federazione Russa, nazioni tutt'altro che limpide in tema di diritti umani). La guida di questo comitato è affidata a Susana Villarán, sindaco di Lima, cattolica conosciuta per le sue vivaci campagne condotte contro i vescovi del suo Paese a favore del matrimonio omosessuale, dell'aborto e delle questioni legate al genere, campagne che includono partecipazioni a gay pride e simbolici matrimoni omosessuali (non legali in Perù) celebrati presso il suo comune. Insomma, per comprendere le ragioni di questo atteggiamento anticattolico in seno all'ONU, occorre guardare alle basi del funzionamento dei suoi organismi. In merito a questo il direttore di La Nuova Bussola Quotidiana Riccardo Cascioli, intervistato da Aleteia, ha dichiarato: "In realtà oggi all'ONU il vero potere ce l'hanno in mano le agenzie: queste sono più di 40, vanno dall'UNICEF, all'Organizzazione Mondiale della Sanità, per citare solo le più note. Nel corso degli anni questi programmi, commissioni e agenzie hanno acquisito un potere importante, in quanto agiscono sul territorio delle singole nazioni e avendo in mano una notevole quantità di fondi comandano anche le operazioni. Tanto per fare un esempio, le politiche di controllo delle nascite nei Paesi in via di sviluppo molto si devono al potere di queste agenzie, che sono in grado di negare i fondi a quegli stati che non incoraggiano all'uso dei contraccettivi o all'aborto".

cattolici tedeschi [tentarono] di frenare l'ascesa del partito nazista. [ma, come tutti sanno, è la massoneria dei farisei anglo-americani, del FMI SPA, che, aveva il controllo della finanza, e quindi, della economia, e quindi, della politica dalla fondazione della Banca di Inghilterra nel 1600.. infatti sono i banchieri FMI, che ogni 50 anni, almeno, hanno bisogno di una guerra mondiale ] Due ricercatori analizzano come il cattolicesimo frenò l'ascesa elettorale del partito nazista durante la Repubblica di Weimar
Aleteia. 04.03.2014
"Chi vota Hitler dovrà giustificarlo il giorno del giudizio finale. Non c'è peccato peggiore che votarlo!", dichiarò in un'occasione il parroco di Waldsee, in Renania (Germania). Tra il 1928 e il 1933, anno della nomina di Hitler alla cancelleria, l'NSDAP passò dal 2,6% al 43,9% dei voti nelle elezioni legislative tedesche, ma rimase comparativamente più debole nelle regioni a maggioranza cattolica. È la conclusione dell'ampio studio pubblicato a febbraio da due ricercatori di economia politica, Jörg L. Spenkuch (Northwestern University) e Philipp Tillmann (Università di Chicago).
I due ricercatori hanno voluto verificare se questo rifiuto sia dovuto al cattolicesimo in sé o al fatto che i cattolici tedeschi avessero un profilo economico e geografico diverso da quello di altre confessioni: c'erano più agricoltori ed erano più presenti a sud e lontano dalle grandi città.
Secondo il loro studio, intitolato Religione, economia e ascesa del nazismo, "la religione è il fattore di predizione più importante del voto nazista. Più concretamente, la composizione religiosa delle circoscrizioni spiega la variazione di poco più del 40% del risultato dell'NSDAP nell'ambito di una contea".
A parità di condizioni, altre confessioni erano all'epoca almeno due volte e mezza più propense a votare per i nazisti rispetto ai cattolici.
I ricercatori si sono concentrati, tra le altre cose, sull'atteggiamento della gerarchia cattolica, allora molto legata allo Zentrum, il partito di centro-destra cattolico.
Quel partito assunse atteggiamenti chiaramente ostili ai nazisti, proibendo anche ai suoi membri di aderire al partito.
Jörg L. Spenkuch e Philipp Tillmann hanno invece osservato una percentuale di voti per i nazisti significativamente superiore nei villaggi i cui parroci mostravano la propria "simpatia" per il partito hitleriano. [Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

scott12ify

The Father loves the Son and has placed everything in His hands! Good message, isn't it!

/watch?v=mvSUlicaJUc [Israel belongs to the Rothschilds vs christian martyr. ] [ carameloxx SAID: Anddddd the arabs and muslims are orginaly from SAUDI ARABIA that not only took israel but also took cartage, ancient egypt, syria, pershia and babylon destroying the spirit and culture.... people only blame america for killing natives and stealing lands dont also forget the spanish empire french russian and portugues....-_.....look it up if you dont believe me and my friend I will tell you that god and his angels are deep out into space.......israek should be for everyone all sons of god not for a battleground. .....magic and the way you learn bout spirituality DOSE NOT EXIST AT ALL...DONT BE A FOOL JUST SAYING....... GOD BLESS AND PLEASE BE RIGHTIOUS. - [ANSWER ] MY BROTHER! I do not argue on the deep truth of your words, all words that are true, but useless, because we're all going to be killed in a nuclear world war, which the Pharisees Satanists: Illuminati Anglo-Ameicani must do to: 1 . hide, fraud in the financial statements of their IMF, Spa FED ECB. 2. will perfect, the NWO, of Freemasons, which is Satanism ideological and practical .. I do not want the desert of Madiana, from Saudi Arabia, because I have a right to have that desert, I'm asking for love only .. because, if, not solve the problem, of a homeland for, all 12 Tribes of Israel, we all die .. In fact, only love can save the world! --- [ANSWER ]- MIO FRATELLO! io non discuto, sulla profonda, verità delle tue parole, tutte parole vere quanto inutili, perché, noi stiamo tutti per essere uccisi, in una guerra mondiale nucleare, che, i satanisti farisei: Illuminati Anglo-Ameicani, devono fare per: 1. nascondere le truffe in bilancio del loro FMI; 2. perfezionare il NWO, dei massoni, che è il satanismo ideologico e pratico.. Io non voglio il deserto della madiana, dalla Arabia Saudita, perché io ho diritto ad avere quel deserto, io lo chiedo per amore.. perché se non risolveremo il problema, di una patria per tutte le 12 Tribù di Israele noi moriremo tutti.. infatti, solo l'amore può salvare il mondo!

The Father loves the Son and has placed everything in His hands!
i am news, is why, i am UNIUS REI

[ open letter a tutti i Governi del mondo, oggi, sono: tutti loro, gli schiavi del sistema Bancario, di Farisei anglo-americani, tutti i massoni traditori della Costituzione! ] lo Scienziato Giacinto Auriti, ha detto: "il denaro: è la misura del valore". cioè, una convenzione, per misurare la ricchezza. Quindi, in se stesso, il denaro, non è la ricchezza, questo è stato: il più grande inganno dei farisei! Quindi, distruggere il Fmi, significa, soltanto distruggere le speculazioni bancarie, e riportare la ricchezza ai Governi, ed ai popoli derubati, assassinati, traditi .. Tutti hanno una stampate, ed un computer, per stampare del nuovo denaro, di proprietà dei popoli! ma, se vi ostinate, e non distruggete, il FMI SPa, con effetto immediato, nessuno di voi potrà salvare la sua vita! perché, il FMi, per tutte le sue truffe, ha disperatamente bisogno, della guerra mondiale, che, 322 Kerry 666 Bush Rothschild, otterranno, con qualche pretesto, prima o poi.

my JHWH [] se, israeliani sono rimasti, ancora, degli esseri umani, e non sono pieni di demoni, per avere tradito la legge naturale, ed essere diventati massoni GENDER.. loro devono darmi, oggi stesso, un attacco nucleare, contro, la  LEGA ARABA! Io sono Unius REI, e mi assumo, personalmente, tutte le responsabilità di questa azione militare!

[ open letter ] Benjamin Netanyahu. Vladimir Vladimirovič Putin. [ Questa: Amnesty Onu, USA, UE, LEGA ARaBA FMI NWO? ] Questo è il teatro dei furbi serial killer.. ma, in reltà, sono: i più pericolosi assassini seriali: della Storia del Genere umano! infatti, esiste un solo Ordine mondiale: perché: esiste un solo: Fondo monetario internazionale: di proprietà PRIVATA ILLUMINATI, Spa, di Rothschild, che, crea il denaro dal nulla, e lo fa pagare con cambiali al interesse, per una truffa del 200% [ cosa c'è, di più pericoloso, di questo? ] 1°. QUESTION: Quindi, se non distruggerete il FMI spa, le vostre vite non potranno essere salvate! [ DI CONSEGUENZA, ESISTE UNA SOLA PIRAMIDE MASSONICA, E QUESTO RENDE LA POLITICA, UNA ESPERIENZA SOLO AMMINISTRATIVA: DI FATTO! ] Il gioco che, nella stessa famiglia di demoni, ci siano: i buoni: (Germania, Egitto) ed i cattivi: ( Iran Amas, USA 322), questo è parte della stessa strategia criminale omicida! infatti, in Germania la CIA, ecc.. commette 30.000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno. ed in Egitto, ogni giorno, si uccide, stupra, rapisce, violenta, deruba, ferisce, ecc.. un cristiano, al giorno! 2°. QUESTION: se, non è possibile risolvere il contenzioso, attraverso, una aggressione nucleare, contro, USA, UE, neanche, in caso, di provocazione nucleare (cioè, un auto attacco nucleare, come, 11-09, che, preveda una risposta nucleare, a cui non si può rispondere in nessun modo), poi, l'unica soluzione possibile è il terrorismo, che, loro hanno usato in Siria, ed in Ucraina, che colpisca a morte, i vertici della Massoneria! 3° QUESTION: tuttavia, questa soluzione nucleare, è possibile e necessaria, oggi stesso, contro, tutta la LEGA ARABA, ad iniziare a distruggere l'Egitto, proprio, per il crimine di sterminio del genere umano che la Sharia rappresenta, infatti, mai, i maniaci religiosi offenderebbero, il loro dio bestia, se, non hanno il coltello alla gola come un evento concreto, perché già accaduto!
1. [ teatrino truffa ] [Ucraina: telefonata Merkel-Obama, sintonia. Usa e Germania, si impegnano a coordinare rispettive mosse. 05 marzo, #BERLINO, La cancelliera Angela Merkel ha avuto un nuovo colloquio con il presidente statunitense Barack Obama, sulla crisi in Ucraina. I due leader si sono trovati d'accordo, secondo Berlino, nella valutazione degli sviluppi più recenti e hanno stabilito di continuare a muoversi su questo dossier consultandosi e in stretta intesa. Lo ha scritto su Twitter il portavoce di Merkel, Steffen Seibert.
2. [ teatrino truffa ] [condanna messa al bando in Egitto, Fonti, decisione contro lotta popolo palestinese

03/04/2014. SRI LANKA. Church calls for an international investigation into war crimes in Sri Lanka. by Melani Manel Perera. Members of the clergy in northern and eastern Sri Lanka send an official letter to the United Nations Council for Human Rights (UNHRC) in which they slam "disappearances, sexual abuse, arrests, detention, torture, restrictions on religious freedom" and other violations that take place in the country.
Colombo (AsiaNews) - Some 205 members of the Catholic Church in northern and eastern Sri Lanka are calling for an international investigation into the crimes that took place during almost 30 years of civil war and for a stop to the human rights violations that are still happening today in Sri Lanka. They made their request to the United Nations Council for Human Rights (UNHRC) in a letter in which they call for concrete answers to the demand among Sri Lankans for peace and reconciliation, especially among Tamils.
Mgr Rayappu Joseph, bishop of Mannar and a prominent figure in the fight for human rights, is among the signatories. "Neither truth, nor justice have come from the investigations conducted by the Sri Lankan government," the letter says.
"On the other hand, there have been threats and [acts of] intimidation. We are conscious that writing this letter and involving the UNHRC exposes us to risks, and many members of the clergy did not sign [for this reason], even if they agree with us."
This is not the first time that members of the clergy have had direct contact with the UN in the north and east.This is not the first time that priests and religious have listed some of the most serious violations in the country.
As they write in their latest letter, these violations include "disappearances, sexual abuse, arrests, detention and torture under the Prevention of Terrorism Act, restrictions and attacks on freedom of assembly, expression, association and movement."
"Collective commemorations in honour of the dead, the disappeared, or for religious freedom have been hindered," the letter noted. "Anyone who criticises or questions the government on its actions, and those who work with the international community on behalf of human rights are accused of supporting terrorists or of being traitors. Even some of us have been targeted and questioned by authorities."
Finally, those who signed the letter condemn "the military's constant interference in civil and economic activities in the north and the east. Attacks and violations are spreading across the country, including attacks against the country's Muslim and Christian religious minorities." SRI LANKA. Sri Lanka, la Chiesa chiede un'indagine internazionale sui crimini di guerra. di Melani Manel Perera. Il clero del nordest scrive una lettera ufficiale al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (Unhrc). Nel messaggio denunciano "sparizioni, abusi sessuali, arresti, detenzione, torture, restrizioni alla libertà religiosa" e altre violazioni che avvengono nel Paese. Colombo (AsiaNews) - Un'indagine internazionale per trovare risposte ai crimini avvenuti durante quasi 30 anni di guerra civile e per fermare le violazioni ai diritti umani che avvengono ancora oggi in Sri Lanka. È la richiesta ufficiale presentata da 205 membri della Chiesa cattolica del nord e dell'est del Paese al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (Unhrc), che con una lettera scritta cercano una risposta concreta al bisogno di pace e riconciliazione della popolazione, in particolare quella tamil. Tra i firmatari, anche mons. Rayappu Joseph, vescovo di Mannar, figura di spicco nella lotta per i diritti della popolazione.
"Non è emersa verità, né giustizia - si legge nel messaggio - dalle indagini condotte dal governo dello Sri Lanka. D'altra parte, vi sono state minacce e intimidazioni. Siamo consapevoli che scrivere questa lettera e coinvolgere l'Unhrc ci espone a dei rischi, e molti rappresentanti del clero non l'hanno voluta firmare [per questo motivo], anche se sono d'accordo con noi". Non è la prima volta che il clero del nord e dell'est cerca un contatto diretto con l'Onu. In questa ultima lettera, sacerdoti e religiosi elencano alcune delle violazioni più gravi che colpiscono il Paese: "Sparizioni, abusi sessuali; arresti, detenzione e tortura in base al Prevention of Terrorism Act; restrizioni e attacchi alla libertà d'assemblea, espressione, associazione e movimento. Le commemorazioni collettive in onore di morti, scomparsi, o per la libertà religiosa vengono intralciate. Chi critica o interroga il governo sulle sue azioni, e quanti lavorano con la comunità internazionale per i diritti umani è accusato di sostenere i terroristi o di essere un traditore. Anche alcuni di noi sono stati interrogati dalle autorità e presi di mira".
Infine, il clero denuncia "le continue interferenze dell'esercito nelle attività civili ed economiche nel nord e nell'est. Tutti questi attacchi e violazioni si stanno diffondendo in tutto il Paese, causando anche aggressioni contro le minoranze religiosi islamica e cristiana". 04/03/2014. SRI LANKA Sri Lanka, la Iglesia pide una investigación internacional sobre los crímenes de guerra de Melani Manel Perera. El clero del nordeste escribe una carta oficial al Concejo para los derechos humanos de las Naciones Unidas (Unhrc). En el mensaje denuncian "desapariciones, abusos sexuales, arrestos, detenciones, torturas, restricción de la libertad religiosa" y otras violaciones que suceden en el País. Colombo (AsiaNews)- Una investigación internacional para encontrar respuestas a los crímenes sucedidos durante casi 30 años de guerra civil y para frenar las violaciones de los derechos humanos que suceden aún hoy en Sri Lanka. Es la investigación oficial presentada por 205 miembros de la Iglesia católica del norte y del este del país al Concejo para los derechos humanos de las Naciones Unidas (Unhrc), que con una carta escrita tratan de buscar una respuesta concreta a la necesidad de paz y reconciliación de la población, en particular la tamil. Entre los firmatarios, también está mons. Rayappu Joseph, obispo de Mannar, figura de primer plano en la lucha por los derechos de la población.
"No surgió la verdad, ni la justicia- se lee en el mensaje- en las investigaciones conducidas por el gobierno de Sri Lanka. Por otra parte, fueron muchas las amenazas e intimidaciones. Somos conscientes que escribir esta carta e involucrar a la Unhrc no expone a riesgos, y muchos representantes del clero no la han querido firmar (por este motivo), si bien están de acuerdo con nosotros". No es la primera vez que el clero del norte y del este tarta de tener contacto directo con la Onu. En esta última carta, sacerdotes y religiosos hacen la lista de las violaciones más graves que golpean al País: "Desapariciones, abusos sexuales, arrestos, detenciones y torturas en base a la Prevention of Terrorism Act: restricciones y ataques a la libertad de asamblea, expresión, asociación y movimiento. Las conmemoraciones colectivas en honor de los muertos, desaparecidos o por la libertad religiosa son obstaculizadas. Quien critica o interroga al gobierno sobre su obrar y cuando trabaja con la comunidad internacional por los derechos humanos es acusado de apoyar a los terroristas y de ser un traidor. También algunos de nosotros fuimos interrogados por las autoridades y estamos en su mira". En concreto, el clero denuncia "las continuas interferencias del ejército en las actividades civiles y económicas del norte y el este. Todos estos ataques y violaciones se están difundiendo en todo el País, causando también agresiones contra las minorías religiosas islámica y cristiana".

04/03/2014. INDIA satanica, il nemico del genere umano! Kandhamal, i cristiani "vivono nel terrore per colpa dei fondamentalisti indù" Lo afferma Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic). Un gruppo di estremisti hanno danneggiato una sala di preghiera in costruzione e minacciato otto famiglie cristiane. La polizia ha arrestato due persone, ma liquida il fatto come "dispute familiari". Mumbai (AsiaNews) - "La vita dei cristiani del Kandhamal è un trauma continuo, perché vivono nel terrore dei gruppi radicali indù". Lo afferma ad AsiaNews Sajan George presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), dopo l'ennesimo attacco avvenuto nello Stato dell'Orissa contro la minoranza religiosa. Il 27 febbraio scorso diversi militanti del Sangh Parivar (ombrello che raccoglie organizzazioni e movimenti hindutva, ndr) hanno danneggiato una sala di preghiera in costruzione nel villaggio di Pradhanpada, minacciando i 15 cristiani impegnati nei lavori. Dopo l'attacco le autorità hanno dispiegato sul territorio circa 70 agenti delle forze dell'ordine per garantire la sicurezza. La polizia ha arrestato due persone e ha lanciato una caccia all'uomo per gli altri aggressori. Kunwar Vishal Singh, sovrintendente di polizia del distretto di Kandhamal, spiega che c'è la volontà di risolvere la questione in maniera amichevole, poiché l'incidente è legato a "dispute familiari" legate al terreno su cui sorgerà la sala di preghiera. Il funzionario ha invece negato la matrice religiosa dietro i fatti. Tuttavia, Sajan George definisce l'attacco "vergognoso" e ricorda che "nonostante siano passati cinque anni dai pogrom dell'Orissa, la comunità cristiana continua a non avere giustizia e a sopravvivere a quotidiani atti di discriminazione e boicottaggio. Questo nuovo episodio, a pochi giorni dall'inizio della Quaresima, ha il chiaro obiettivo di intimidire e minacciare la libertà religiosa e di culto nel Kandhamal". INDIA. Kandhamal Christians "live in fear because of Hindu fundamentalists " Sajan George, president of the Global Council of Indian Christians (GCIC ) sounds alarm as group of extremists damage a prayer hall under construction and threaten eight Christian families. Police arrest two people, but dismiss case as "family dispute". Mumbai (AsiaNews ) - "The life of Christians in Kandhamal is an ongoing trauma, because they live in fear of the radical Hindu groups",  The president of the Global Council of Indian Christians (GCIC ) Sajan George tells AsiaNews, after yet another attack against the religious minority in the State of Orissa. On 27 February, several members of the Sangh Parivar (umbrella group of Hindutva organizations and movements -ed) damaged a prayer hall under construction in the village of Pradhanpada, threatening the 15 Christians engaged in the work. After the attack, authorities have deployed around 70 law enforcement officers to ensure safety. Police arrested two people and launched a manhunt for the other attackers. Kunwar Vishal Singh, Kandhamal district chief of police, explains that there is a willingness to resolve the matter amicably, as the incident is linked to a "family dispute" over the land on which the prayer hall is being built. The Police Chief has instead denied that religious hatred is behind the attack. However, Sajan George calls the attack "shameful" and says that "despite five years having passed since the pogroms in Orissa, the Christian community continues to be denied justice and is still subjected to daily acts of discrimination and intimidation. This latest episode, a few days before the beginning of Lent, clearly intends to intimidate and threaten freedom of religion and worship in Kandhamal". 04/03/2014. INDIA. Kandhamal, los cristianos "viven en el terror por culpa de los fundamentalistas hindúes". Lo afirma Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcici). Un grupo de extremistas han dañado una sala de oración en construcción y amenazado a 8 familias cristianas. La policía arrestó a dos personas, pero dice que el hecho son "disputas familiares". Mumbai (AsiaNews). "La vida de los cristianos de Kandhamal es un trauma continuo, porque viven en el terror de los grupos radicales hindúes". Lo afirma a AsiaNews sajan George presidente del Global Council of India Christians (Ccici), luego del enésimo ataque sucedido en el Estado de Orissa contra la minoría religiosa. El 27 de febrero pasado, diversos militantes del Sangh Parivar ( pantalla que recoge organizaciones y movimientos hindutva, ndr) han dañado una sala de oración en construcción en el pueblo de Pradhanpada, amenazando a 15 cristianos que estaban trabajando. Después de ataque las autoridades han desplegado en el territorio uno 70 agentes de las fuerzas del orden para garantizar la seguridad. La policía arrestó a dos personas y han empezado la búsqueda de los otros agresores. Kunwar Vishal Singh, sub-comisario del distrito de Kandhamal, explica que hay voluntad de resolver la cuestión en manera amistosa, pues el incidente está ligado a "disputas familiares" relacionadas con el terreno sobre el cual surgirá la sala de oración. El funcionario ha negado en cmabio la matriz religiosa que está detrás de los hechos.
Sin embargo, Sajan George define el ataque "vergonzoso" y recuerda que "no obstante hayan pasado 5 años de los progromos de Orissa, la comunidad cristiana continúa a no obtener justicia y a sobrevivir a continuos actos de discriminación y boicot. Este nuevo episodio, a pocos días de Cuaresma, tiene como claro objetivo el intimidar y amenazar a la libertad religiosa y el culto en Kanddhamal".


04/03/2014. EGITTO - PALESTINA. Tribunale egiziano ordina il bando di tutte le attività di Hamas in Egitto. [no! nel modo più assolto, io non accetto, messinscèna (o méssa in scèna) s. f. [dal fr. mise en scène]. – 1. a. Il complesso delle operazioni con cui si allestisce un lavoro teatrale. questa ipocrisia! senza rinunciare alla sharia?, l'Egitto rimane ancora un terrorista da uccidere per me! ] La corte ha anche ordinato la chiusura degli uffici del movimento. Hamas ha contestato la decisione del tribunale egiziano, in quanto "danneggia l'immagine dell'Egitto e del suo ruolo verso la causa palestinese". Negli ultimi tempi Il Cairo ha distrutto la maggior parte dei 1.200 tunnel esistenti con Gaza. Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Un tribunale egiziano ha bandito, oggi, "il lavoro e le attività di Hamas in Egitto" e ha ordinato la confisca dei beni dell'organizzazione al potere nella Striscia di Gaza. Il tribunale ha anche ordinato la chiusura degli uffici di Hamas in Egitto, ma non è arrivato a definire il movimento come gruppo terroristico in quanto, ha detto un magistrato, la corte non aveva la giurisdizione per tale affermazione.
Hamas ha contestato la decisione del tribunale egiziano, in quanto "danneggia - ha dichiarato Sami Abu Zuhri, un portavoce del movimento - l'immagine dell'Egitto e del suo ruolo verso la causa palestinese". Le motivazioni della sentenza ancora non sono state rese note, ma essa si pone nel quadro dell'atteggiamento assunto dal nuovo governo militare verso il gruppo, che fa riferimento ai Fratelli musulmani, dalle autorità del Cairo dopo la deposizione del presidente Mohamed Morsi. Da allora, le autorità hanno tra l'altro distrutto la maggior parte dei 1.200 tunnel (NELLA FOTO) esistenti tra l'Egitto e Gaza, usati per contrabbandare alimenti, automobili e armi per l'enclave costiera, che si trova sotto il blocco israeliano. Hamas è accusata dall'attuale governo di aver complottato con Morsi per organizzare attacchi terroristici nel Paese. Numerosi militanti di Hamas figurano tra gli imputati del processo contro l'ex presidente. A Hamas si imputa anche il sostegno ai gruppi islamisti vicini ad al Qaeda che operano nel Sinai. Accuse che il movimento ha respinto.

04/03/2014 IRAQ. Patriarca caldeo: Fermare l'esodo per preservare le origini e la storia dei cristiani d'Iraq. [ ma è in questo modo che i satana 322 Kerry Bush, e i suoi complici salafiti LEGA ARABA, hanno realizzato il genocio delle comunità cristiane, che, sono i veri padroni della regione! ] Mar Sako sottolinea che il "futuro della comunità è qui, non nelle nazioni della diaspora". Egli condanna mafia e trafficanti che "incentivano la migrazione"; senza le persone, restano solo chiese vuote e pietre morte. Rafforzare l'istruzione, creare lavoro e abitazioni, favorire gli investimenti i punti dai quali partire per rilanciare la presenza cristiana [ se, non viene abolita, la sharia, non c'è nessuna possibilità, per i cristiani di sopravvivere! ]

04/03/2014. RUSSIA - UCRAINA. Putin ferma le manovre lungo il confine con l'Ucraina, mentre Yanukovich gli chiede di invadere il Paese.. [] ma, di questa invasione, non c'è bisogno, perché le elezioni mostreranno il destino della Ucraina. [] La decisione del presidente russo annunciata oggi. Il deposto capo di Stato ucraino chiede l'intervento dell'esercito di Mosca perché "la vita e la sicurezza della popolazione, specialmente nella parte meridionale della Crimea, sono minacciate" e il Paese "è sull'orlo della guerra civile". New York (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinate alle truppe che stavano prendendo parte alle manovre lungo il confine dell'Ucraina di rientrare nelle loro basi permanenti. La notizia, diffusa stamattina dall'agenzia russa RIA Novosti, che cita il portavoce del presidente, Dmitry Peskov, potrebbe abbassare la tensione internazionale, aggravata, ieri, dalle dichiarazioni dell'inviato di Mosca all'Onu, Vitaly Churkin. Churkin aveva mostrato una lettera del deposto presidente ucraino Viktor Yanukovich che chiede alla Russia un intervento militare in Ucraina per "ristabilire l'ordine". La decisione presa da Putin oggi, se confermata dai fatti - ufficiali di confine ucraini negano che le truppe russe si stiano ritirando - giunge dopo una giornata che ha visto salire la tensione a cause della notizia, in parte smentita, di un ultimatum ad arrendersi rivolto dall'esercito russo ai comandanti delle basi ucraine in Crimea, che aveva fatto temere l'inizio di uno scontro a fuoco. A diffondere la notizia era stata l'agenzia russa Interfax, secondo la quale, l'ordine di arrendersi era stato dato alle forze ucraine dal comandante della flotta russa in Crimea, Alexander Vitko. La stessa agenzia, poco dopo, riportava la dichiarazione di un ufficiale del comando della flotta che negava l'ultimatum. In questo quadro, ad aggravare la situazione erano giunte le affermazioni di Churkin, per il quale la richiesta di un intervento militare russo in Ucraina veniva "dal rappresentante  legittimamente eletto" di Kiev, secondo il quale il Paese "è sull'orlo della guerra civile". Yanukovich, secondo l'inviato russo, avrebbe scritto che "la vita e la sicurezza della popolazione, specialmente nella parte meridionale della Crimea, sono minacciate" e che ci sono "chiari atti di terrore e violenza". Considerazioni non molto lontane dall'affermazione fatta dal ministro degli esteri russo Sergei Lavrov che, parlando al Consiglio Onu per i diritti umani, a Ginevra, aveva spiegato l'intervento in Crimea come un atto per difendere i cittadini russi.
Dagli Stati Uniti, il portavoce del Pentagono da una parte affermava che "non ci sono cambiamenti nel nostro atteggiamento militare in Europa o nel Mediterraneo, e dall'altra annunciava la sospensione degli accordi militari tra Usa e Russia, che comprendono esercitazioni, incontri bilaterali, visite nei porti e conferenze.

03/03/2014 [ è un crimine contro, i diritti umani abolire, da un giorno all'altro la lingua russa! non solo, Kerry è andato a buttare benzina sul fuoco. e la NaTO ha un atteggiamento aggressivo.. il Bullismo è il linguaggio di USA e UE, hanno prodotto il risultato del Golpe... ed è questo atto criminale, che, potrebbe produrre la secessione, cioè, la divisione della Ucraina, ] UCRAINA-RUSSIA. Soldati russi contro "le minacce ultranazionaliste". La piccola speranza di un gruppo di dialogo, Bandiere russe anche sul parlamento regionale di Donetsk. Mezzi blindati sulla riva russa del canale di Crimea. La somiglianza con la guerra in Georgia nel 2008. Le accuse di Stati Uniti, Gran Bretagna e Svezia. Germania e alcuni Paesi della Ue cercano il dialogo con Putin. Anche l'Onu alla ricerca di vie per ridurre la tensione. Kiev (AsiaNews/Agenzie) - Soldati russi o filo-russi hanno ormai il controllo militare della Crimea e secondo alcune fonti hanno occupato anche il parlamento regionale di Donetsk (est dell'Ucraina), base del decaduto presidente Viktor Yanukovych. Anche a Donestk, come a Sebastopoli e Simferopol sono issate bandiere russe. Sergei Lavrov, ministro russo degli esteri, a Ginevra per incontrare il segretario Onu Ban Ki-moon, ha dichiarato che le truppe russe sono necessarie in Ucraina "finchè non si normalizza la situazione politica". Egli accusa i vincitori del nuovo corso filo-europeo di Kiev di voler usare il loro potere "per attaccare i diritti umani e i diritti fondamentali delle minoranze", in particolare della popolazione russofona. Su due milioni di abitanti in Crimea, i russi sono il 59% e il 17% di tutta l'Ucraina. "La violenza degli ultra-nazionalisti - ha aggiunto Lavrov - minaccia le vite e gli interessi regionali dei russi e della popolazione che parla russo". Fino ad ora, però, non sono registrate particolari violenze verso i gruppi filo-russi in Ucraina, concentrati anche nell'est del Paese, oltre  che nella penisola di Crimea, al di là di qualche tafferuglio nei giorni scorsi fra filorussi e tatari, la popolazione musulmana della Crimea (il 12% degli abitanti della penisola) che, perseguitata ai tempi di Stalin, desidera liberarsi dall'influenza di Mosca. Forse la minaccia più evidente è solo la proposta del parlamento di Kiev di cancellare l'uso della lingua russa come lingua nazionale. Proposta che per ora è stata bloccata dal presidente ad interim Oleksandr Turchynov. La mossa è però significativa di un sottrarsi da parte dell'Ucraina al rapporto con la Russia, a cui è legata da trattati economici e militari, quali il passaggio del gasdotto che porta gas all'Europa e le basi navali della marina russa in Crimea. Secondo diversi analisti, per salvaguardare i suoi interessi - oltre che quelli della popolazione russofila - Mosca è pronta a una guerra simile a quella lanciata contro la Georgia nell'agosto 2008, che porterebbe a una divisione del Paese. Il governo di Kiev considera l'occupazione militare russa della penisola di Crimea una vera e propria "dichiarazione di guerra" e ha mobilitato tutte le sue truppe, chiedendo alla popolazione di partecipare ad attività di esercitazioni. Finora però non si registrano scontri fra militari russi (o filo-russi) e le truppe ucraine. Le guarnigioni di queste ultime nella Crimea sono state circondate da soldati russi senza alcuna violenza o scambio di fuoco. Anche Vladimir Putin, che ha ottenuto dal parlamento l'avallo per l'invio di soldati in Ucraina, non ha ancora fatto uso esplicito di questo potere, anche se si registra un ammassarsi di mezzi blindati sulla costa russa del Canale di Crimea. Mentre gli Usa, la Gran Bretagna e la Svezia minacciano ritorsioni contro Mosca, alcuni Paesi dell'Unione europea - Germania in testa - sono in contatto con Putin per varare un gruppo di dialogo per la soluzione della crisi. Intervistato dalla Agence France Press, un diplomatico europeo ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di parlare con Putin, che ha le sue buone ragioni per fare queste brutte cose. La situazione è estremamente pericolosa. Abbiamo bisogno di una via d'uscita a questa sindrome da Guerra fredda". Al presente, il ministro britannico degli esteri, William Hague, si trova a Kiev. Domani sarà raggiunto dal segretario di Stato Usa John Kerry. Anche il vice segretario dell'Onu, Jan Eliasson sta arrivano in Ucraina per trovare soluzioni al fine di "ridurre la tensione della situazione".

A Mosca circa 20.000 persone si sono radunate in una manifestazione contro Maidan e a sostegno del popolo dell'Ucraina. Lo ha riferito l'ufficio stampa del ministero degli Interni. 2 marzo, 18:36. A Mosca 20.000 persone manifestano contro Maidan. È stato riferito che la gente continua ad affluire in piazza Pushkin, punto di ritrovo della manifestazione. I dimostranti mostrano cartelli e striscioni con scritto "Crimea, siamo con te", "Non lasciamo da soli in guerra i nostri", "Vittoriosi nel 1945, vinceremo nel 2014," ed altri. Al corteo aderiscono varie organizzazioni pubbliche e partiti politici.
30 novembre 2013, 16:58. Mosca ha fiducia nel popolo ucraino. Mosca spera che il popolo ucraino possa capire e risolvere tutto in modo pacifico ed autonomamente, ha dichiarato oggi il vice ministro degli Esteri russo Vasily Nebenzia. "Secondo i sondaggi, gli oppositori ed i sostenitori dell'integrazione dell'Ucraina nella UE si equivalgono, tralasciare questo dato è impossibile. Mosca spera che il popolo ucraino possa capire e risolvere tutto in modo pacifico ed autonomamente, ha dichiarato oggi il vice ministro degli Esteri russo Vasily Nebenzia. "Secondo i sondaggi, gli oppositori ed i sostenitori dell'integrazione dell'Ucraina nella UE si equivalgono, tralasciare questo dato è impossibile. E' fondamentale che la leadership ed il popolo ucraino capiscano quali prospettive promette l'una o l'altra scelta", ha sottolineato Nebenzia. Il diplomatico ritiene che la mancata firma dell'accordo di associazione tra l'Ucraina e l'Unione Europea a Vilnius significhi che Kiev ha semplicemente preferito prendersi una pausa di riflessione per valutare e pesare tutto con attenzione. 4 marzo 2014, Putin: in Ucraina un golpe e una presa violenta del potere. Il presidente russo Vladimir Putin ha definito gli avvenimenti in Ucraina come un colpo di stato incostituzionale e una presa violenta del potere. "La valutazione di quanto accaduto a Kiev e in generale in Ucraina è una sola: si tratta di un colpo di stato incostituzionale e di una presa armata del potere," - ha detto ai giornalisti. Lavrov: le nuove autorità ucraine attaccano i diritti umani. 1 marzo,
Russia: numerose e gravi violazioni dei diritti umani in Ucraina. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha invitato l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) a condannare fermamente la crescita del sentimento nazionalista e neofascista nell'Ucraina occidentale, così come i tentativi dei nazionalisti di vietare la lingua russa, si legge in un comunicato del ministero degli Esteri russo dopo l'incontro tra Lavrov e il segretario generale dell'organizzazione Lamberto Zannier. Il ministero degli Esteri russo rileva che durante l'incontro la parte russa ha sottolineato la necessità di tornare alla legalità e l'importanza di una valutazione oggettiva e imparziale degli eventi che si stanno verificando da parte della comunità internazionale.
1 marzo, 20:45. Putin può attendere prima di impiegare le forze armate in Ucraina.
L'impiego delle forze armate russe all'estero viene deciso dal presidente ed al momento non c'è nessuna decisione a riguardo, ha dichiarato il portavoce del capo di Stato russo Dmitry Peskov.. Inoltre Grigory Karasin, il vice ministro degli Esteri e portavoce del presidente russo nel Consiglio della Federazione, ha comunicato ai media che l'autorizzazione all'uso delle forze armate da parte del Senato russo in Ucraina non implica che la corrispondente decisione venga realizzata in tempi brevi dal presidente.
"L'autorizzazione è concessa al possibile impiego delle forze armate della Federazione Russa", - ha detto Karasin. - E' una decisione sofferta, la situazione in Ucraina accresce le tensioni nella comunità russa e continua a peggiorare," - ha aggiunto.
 
04 marzo, 21:53 #RAMALLAH, [ io vi chiedo di riconoscere la Palestina, Arabia Saudita, Madiana, Sinai Egitto, come, la patria di tutti gli ebrei, insieme a voi ( cioè, distruggere Israele, per fare il regno di Palestina, con me: Unius REI ), ma, questo non è più valido, se, voi non rinunciate alla sharia, in tutto il mondo, per fare lo Stato laico, della libertà di religione, in tutta la LEGA ARABA! ma, poiché, voi credete, di avere il diritto, di fare il genocidio, di tutti i popoli del mondo.. poi, il male, che, voi volete fare: agli altri? è proprio il male, che, ricadrà, contro, di voi! voi siete gli assassini seriali, con cui, non è possibile sopravvivere  ] "E' solo un modo per far fallire gli sforzi di Kerry". Cosi Hanan Ashrawi dell'ufficio dell'Olp, ha commentato il discorso di Benyamin Netanyahu, all' Aipac a Washington. Il premier israeliano, ha detto, "vuole imporre la narrativa sionista ai palestinesi, ben sapendo che, non l'accetteranno mai. Abbiamo gia' riconosciuto Israele piu' di 20 anni fa, come stato democratico e pluralista, non come stato religioso ( e perché, propprio voi siete, uno Stato religioso, massimalista nazista? quello che è concesso a voi poi non è concesso agli atri! e gli altri sono gli schiavi dhimmi e voi soltanto siete gli eletti! interessante!). A nessuno al mondo: e' stato chiesto di riconoscerlo, come 'stato ebraico'... [ io lo chiedo a tutto il mondo! ]

04 marzo, #NEW YORK, [ la gente ha perso la razionalità! il sistema massonico della più alta ingegneria sociale della storia (il satanismo della schiavitù globale), sta avendo successo! in questo articolo? non c'è una logica razionale.. come a dire, poiché, è morta una persona, in un incidente stradale, poi, tutte le autovetture devono essere distrutte! piuttosto, i leder massoni Bildenberg hanno paura, che, il popolo abbia le armi, perché, loro sanno di meritare la pena di morte! .. ma, le armi sono un diritto costituzionle sacro, che, non può essere toccato.. se, il popolo siriano fosse stato preparato militarmente, poi, non si sarebbe fatto sgozzare, dagli jihadisti, mandati da Erdogan salafita saudita, o dal tiranno! è il popolo, che, ha la sovranità monetaria, ed ogni altra sovranità!  ] Una foto su Facebook scatena una bufera sul web Usa: ritrae una bimba di sei mesi che imbraccia un fucile mitragliatore, un'immagine innocua secondo i familiari, totalmente irresponsabile secondo altri. Soprattutto considerando che la piccola, di nome Genevieve, era con il padre - che ha poi diffuso l'immagine - in un'armeria di Woodbridge, Connecticut, a poca distanza da Newtown, dove nel 2012 il ventenne Adam Lanza uccise 26 persone, tra cui 20 bambini, in una scuola elementare.

[ lettera aperta, a tutti gli omosessuali del mondo] ovviamente, voi siete dei ragazzi e delle ragazze, andati a male (quindi, questa storia del GENDER, è una bugia del demonio, per scaricare la vostra cattiveria sulla società! certo, voi non vorrete, litigare con me.. perché, nessuno potrebbe sopravvivere, ad un litigio, contro di me! ma, questa è la vostra fortuna: "iniziando da me? io non conosco persone normali! in questo, io non sono un ipocrita! " certo, la Bibbia non condanna, i peccatori.. e certamente, condanna il peccato, ogni peccato. quindi, l'omosessualità ha dei demoni specifici, come, ogni altra tendenza peccaminosa.. ora, nessuno che, non sia libero, dai suoi demoni, o tendenze peccaminose, potrà mai entrare in paradiso, da questo punto di vista, .. un omosessuale, non ha troppi, impedimenti, ad entrare in paradiso, più di chiunque, altro peccatore!

[ lettera aperta, a tutti gli omosessuali del mondo] [ questa mattina, io ho spiegato il concetto, imperialismo GENDER, ad una classe, commentando, l'articolo dell'Osservatore Romano. ] un solo alunno, mi ha contestando, dicendo come, la Chiesa ha fatto del male, ed ha anche ucciso, tanti omosessuali nel passato! .. ma, ovviamene io non ho parlato, in maniera discriminatoria, degli omosessuali, dal punto di vista sociale, e quindi io non mi aspettavo quella reazione! .. tuttavia, io ho capito, che, c'è bisogno di guarigione interiore, nelle comunità di omosessuali, per le violenze subite... quindi, io Unius REI, a nome di tutto il genere umano, io vi chiedo in ginocchio, di essere perdonato, per tutte le violenze, e per tutte le offese, che, voi avete subito, da parte, di tutto il genere umano!

[ lettera aperta a Kerry 322 ] tuttavia, la posizione, che, noi abbiamo verso Dio: è opposta. 1. io sono un suo ministro, 2. tu sei un anima dannata, un suo nemico, qualcuno, che, ha venduto, se stesso alla perdizione.. ora, io posso ribaltare tutto questo, proprio perché, io sono Unius REI, io posso riplasmare il sistema mondiale, del NWO, posso impostare un nuovo Fmi, di proprietà dei popoli, quindi, io posso dare legittimità vera, a tutte le istituzioni, quindi, io posso riscattare le vostre anime, da satana, e posso ridare a voi la innocenza dei bambini, perché, io sono Unius REI, questa operazione: sarebbe una rigenerazione: morale spirituale, universale, mondiale! .. ma, per realizzare questo miracolo, dell'amore di Dio JHWH? io ho bisogno, 1. del Tempio ebraico, e, 2. della riunione di tutte le 12 Tribù di Israele!

[ lettera aperta a Kerry 322 ] questa mattina, Dio mi ha chiamato, ad alzarmi, attraverso, il suono della mia sveglia.. ma, io per pigrizia, sono rimasto a letto, quindi, io ho offeso, disubbidito, contro, l'amore infinito, dello Spirito Santo di Dio, ... non solo, inoltre, come i tuoi satanisti CIA sanno.. io non sono riuscito a pubblicare, degli articoli, come, di solito avviene, tutte le mattine, alla stessa ora.. Quindi, avendo disubbidito all'amore infinito, io ho commesso, un peccato infinito.. anche, tu uccidendo, per fame, e per guerre, almeno 100milioni di persone innocenti, anche tu, contro, Dio, come me, tu hai fatto un peccato infinito! .. infatti, nessuno può fare un peccato maggiore, di un peccato infinito, neanche se, uccidesse tutto il genere umano, sarebbe comunque un peccato infinito! Quindi, il livello dei nostri peccati, mio e tuo, nei confronti di Dio, è sempe, un livello identico.. ecco perché: è scritto: "Dio ha sottomesso tutti al peccato, per usare a tutti misericordia! "

Kerry 322 PINOCCHIO bugiardo (le bugie hanno le gambe corte! ): dice: Russia cerca pretesto invasione. "Mosca rischia isolamento politico, economico e diplomatico
04 marzo, 18:12. #KIEV, "La Russia cerca solo un pretesto per poter invadere l'Ucraina". Lo ha detto il segretario di Stato Usa John Kerry a Kiev. "Con l'invasione della Crimea, la Russia rischia l'isolamento diplomatico, economico e politico - ha aggiunto Kerry -. Gli Stati Uniti confermano il loro impegno per l'integrità territoriale dell'Ucraina. Condanniamo l'atto di aggressione da parte della Russia. Una grande trasformazione, sta avvenendo in Ucraina (in base a quali dati tu dici questo? non mi risulta, che, il popolo ucraino abbia avuto la possibilità di potersi esprimere nelle urne lettorali!  ) e gli Stati Uniti, sono col popolo ucraino"... [no! i satanisti USA, farisei-salafiti, sono soltanto, con i loro crimini! ]

Messico dei massoni: identificati 142 su 1.236 corpi. E' solo 11% dei cadaveri trovati in 6 anni in fosse clandestine [è la atroce tratta: degli schiavi: e di espinto di organi: che: gestiscono i satanisti americani della CIA! ]